Con HB, la madre ha spesso la febbre. Le ragioni possono essere fisiologiche (dovute all'allattamento) e patologiche (varie malattie). La temperatura durante l'allattamento al seno non è una controindicazione per l'ulteriore allattamento al seno del bambino. Solo in forme gravi di alcune malattie, dovrebbe essere interrotto per la durata di GV.

Per sapere se il bambino può continuare ad allattare, è necessario stabilire la causa dell'aumento della temperatura corporea..

Perché una madre che allatta ha la febbre

Nelle donne, nei primi giorni dopo il parto, è particolarmente comune un aumento della temperatura corporea di 37,1 - 37,4. Questa condizione è causata dal trabocco del seno. Questo non è l'inizio della malattia, ma una norma fisiologica. In questo caso, la temperatura aumenta prima dell'alimentazione..

Spesso, una temperatura corporea di basso grado segnala l'inizio della malattia. Particolarmente tipici per le madri che allattano sono:

  • La mastite è un processo infiammatorio accompagnato da dolore al petto;
  • Lattostasi - ristagno del latte ed è caratterizzato dalla comparsa di foche nelle ghiandole mammarie.

Nelle prime fasi della malattia, l'alimentazione con il latte non danneggerà il bambino e aiuterà la madre a riprendersi il prima possibile, perché il ristagno di latte con mastite favorisce la moltiplicazione dell'infezione e migliora solo il processo infiammatorio. Il trattamento delle malattie deve essere avviato immediatamente in modo da non innescare la malattia. Nelle fasi finali, il latte cambierà la sua composizione e potrebbe danneggiare il bambino.

È importante sapere! Nelle madri il cui bambino succhia quasi tutto il latte dal seno, la lattostasi non si verifica.

Inoltre, la temperatura può aumentare a causa di malattie comuni. Ad esempio:

  • raffreddori;
  • processi infiammatori nel corpo;
  • avvelenamento.

Se la temperatura corporea aumenta in una madre che allatta, tra una poppata e l'altra non diminuisce, è necessario iniziare il trattamento (contattare il medico locale ed essere visitati). In alcuni casi, devi smettere di nutrire il tuo bambino. Il GW può anche essere dannoso se la madre ha una temperatura molto alta e deve essere abbassata.

Come e come abbassare la temperatura durante l'allattamento

La temperatura deve essere abbassata se è superiore a 38,4. Questo può essere fatto con farmaci che non sono controindicati per l'epatite B:

  • paracetamolo;
  • Nurofen;
  • Ibuprom.

Prima di usare i farmaci, assicurati di consultare un medico. Solo uno specialista prescriverà un trattamento e indicherà il dosaggio richiesto di farmaci.

Con l'alimentazione naturale, si consiglia a una donna di abbassare la temperatura con l'aiuto di rimedi popolari e solo se non aiutano a usare i farmaci.

Uno dei modi più efficaci per abbassare la temperatura è con un impacco freddo. Sulla fronte, puoi attaccare uno speciale termoforo in gomma riempito con acqua ghiacciata. Oppure bagnare un asciugamano arrotolato più volte con una soluzione speciale (acqua e aceto al 9% in rapporto 1: 1).

Vari decotti, infusi aiuteranno a far fronte al caldo:

  • succo di mirtillo;
  • brodo di rosa canina;
  • succo di ribes rosso.

L'uso di rimedi popolari per il trattamento dovrebbe essere fatto con cautela, poiché il bambino potrebbe avere allergie.

L'alimentazione non deve essere interrotta ad alte temperature. I bambini non hanno una propria immunità, quindi il latte materno contenente anticorpi li aiuta a non ammalarsi oa riprendersi più velocemente. E solo per alcune malattie, l'HS è categoricamente controindicato..

Posso continuare ad allattare?

L'epatite B nelle malattie materne può essere completamente controindicata in alcune malattie molto gravi.

Controindicazioni per l'alimentazione:

  • malattie renali e delle vie urinarie;
  • mastite (se la malattia è in corso)
  • gravi malattie del sangue;
  • forma aperta di tubercolosi;
  • tetano;
  • sifilide;
  • antrace.

Con queste malattie, c'è un'alta probabilità che le tossine entrino nel corpo del bambino con il latte. Il che, di conseguenza, danneggerà il bambino.

Inoltre, per alcune malattie, ci sono controindicazioni relative all'HS:

  1. Con angina, influenza, polmonite, se alla madre non sono stati prescritti antibiotici, il bambino deve essere nutrito mettendo una benda di garza. Per il resto del tempo è meglio isolare la madre dal bambino..
  2. Con morbillo, scarlattina e varicella, l'alimentazione può essere continuata mentre il bambino viene immunizzato con gamma globuline (il bambino viene vaccinato).
  3. Se la madre ha dissenteria, tifo o febbre paratifoide grave, l'epatite B viene temporaneamente interrotta. Con una forma lieve, il bambino viene nutrito con latte bollito espresso.

Con altre malattie e nemmeno con avvelenamenti gravi, l'allattamento al seno aiuta il bambino a non ammalarsi. Il latte materno contiene anticorpi e antitossine che rafforzano il sistema immunitario del bambino. Sono stati condotti numerosi esperimenti che dimostrano che i bambini allattati al seno sono meno suscettibili alle malattie e si riprendono più velocemente..

La GV deve essere temporaneamente sospesa se alla madre è stato prescritto:

  • "Tetraciclina";
  • "Tavegil";
  • Parlodel;
  • stupefacenti;
  • farmaci anti-cancro;
  • antimetaboliti;
  • immunosoppressori;
  • "Ciclosporina"
  • preparati contenenti litio, oro, sali di iodio.

Questi farmaci sono categoricamente controindicati nell'epatite B. Al momento dell'assunzione di questi medicinali, dovresti nutrire il tuo bambino con latte materno precedentemente congelato o miscele speciali. Per non interrompere l'allattamento, è necessario esprimere costantemente.

Esistono diversi farmaci che è meglio evitare dalle madri che allattano. Questi includono "Aspirina", alcuni lassativi, farmaci ormonali, antibiotici (ulteriori informazioni sugli antibiotici per HB).

Si deve prestare attenzione all'uso di "paracetamolo", anestetici, miorilassanti, abbassamento della pressione sanguigna, anticonvulsivanti, farmaci cardiaci e antiallergici. In ogni caso, prima di usare i medicinali, dovresti consultare uno specialista.

Se una madre che allatta ha la febbre durante l'allattamento, è necessario consultare un medico. Stabilirà la causa della temperatura elevata, prescriverà i farmaci necessari per abbatterla e allo stesso tempo non danneggiare il bambino.

È importante sapere! Se la temperatura è causata da una malattia infettiva, l'allattamento al seno non deve essere interrotto. È necessario indossare una benda di garza quando si alimenta un bambino e prevenire l'infezione del bambino.

È possibile nutrire un bambino alla temperatura di una madre con il latte materno

Nessuno è immune dalla malattia. Le madri che allattano non fanno eccezione. Un organismo indebolito dal parto può facilmente prendere un'infezione. Che dire dell'allattamento al seno in questo caso? È possibile nutrire un bambino alla temperatura di una madre con il latte materno? Cosa fare in una situazione del genere se questa è l'unica fonte di nutrimento per il bambino?

Allattamento al seno e febbre alta

La temperatura della madre durante l'allattamento

Una febbre alta in una donna che allatta è motivo di grave preoccupazione. In primo luogo, la cattiva salute della madre rende molto più difficile prendersi cura del bambino. Spesso, non puoi fare a meno dell'aiuto dei tuoi cari in una situazione del genere: devi eseguire procedure igieniche, camminare e giocare con tuo figlio e fare le faccende domestiche. Queste attività quotidiane si trasformano in un duro lavoro in presenza di alte temperature. In secondo luogo, e soprattutto, sorge la domanda sulla sicurezza del latte materno per il bambino. La situazione è particolarmente critica quando il bambino non ha ancora un anno e il latte materno per lui è l'unico o principale componente della nutrizione. Quindi è possibile nutrire un bambino con la febbre, o è questo un motivo per interrompere l'allattamento?

Ragioni dell'aumento della temperatura

Prima di decidere se interrompere l'allattamento al seno, è necessario comprendere la causa della febbre. Di per sé, non è una malattia, è solo uno dei sintomi. In linea di principio, non ci si dovrebbe auto-medicare, ma in relazione a una madre che allatta, è semplicemente pericoloso. Ci sono diversi motivi per cui la temperatura può aumentare:

  • un'infezione virale, o un raffreddore, è la causa più comune, soprattutto se esiste un vero portatore di virus (papà, una nonna in visita o un bambino più grande portato dall'asilo o dalla scuola);
  • malattie infiammatorie postpartum, se è trascorso meno di un mese dalla nascita del bambino - infiammazione o deiscenza delle cuciture;
  • esacerbazione di infezioni croniche (pielonefrite, herpes);
  • mastite - infiammazione batterica del seno;
  • malattie batteriche del rinofaringe e delle tonsille - tonsillite, tonsillite, sinusite;
  • avvelenamento del cibo;
  • patologia degli organi interni.

La decisione sulla possibilità di allattamento durante il trattamento della malattia dovrebbe essere presa dal medico dopo l'esame e l'esame..

La causa più comune di febbre sono le infezioni virali.

Perché continuare ad allattare

Un bambino viene svezzato dal seno nei casi più estremi, quando i farmaci sono incompatibili con l'allattamento o se c'è il rischio di trasferire l'infezione nel latte materno. Ci sono spesso situazioni in cui i benefici dell'allattamento al seno per il bambino superano i possibili rischi, quindi i medici raccomandano di continuare e mantenere l'allattamento durante il trattamento e persino il ricovero. Continua a nutrire o spremere il latte regolarmente per poter biberonare.

Informazioni importanti! Se il trattamento viene effettuato con antibiotici, è possibile interrompere temporaneamente l'alimentazione, trasferire il bambino al latte artificiale, ma è importante estrarre il latte fino a 6 volte al giorno (in base al numero di poppate). Ciò contribuirà a evitare il ristagno del latte e riprendere l'alimentazione dopo il recupero..

Effetto della temperatura sulla lattazione

Per qualche ragione, si credeva che quando la temperatura corporea aumenta, il latte materno si caglia, diventa aspro o amaro e cambia anche la sua consistenza e il suo colore ed è impossibile nutrire tale latte. Questo è un pregiudizio.

L'unico rischio in caso di malattia è l'ingestione nel latte di sostanze medicinali vietate ai lattanti, nonché l'avvelenamento del corpo del bambino con le tossine che vengono prodotte in alcune malattie. A temperature elevate causate da ARVI o ARI, nel latte vengono prodotti anticorpi protettivi. Ricevendo regolarmente latte, il bambino aumenta la sua immunità. Durante questo periodo, è importante bere più liquidi. Il corpo sostituirà la perdita di liquidi e diminuirà il rischio di ristagno del latte nelle ghiandole.

Devo abbassare la temperatura

È necessario abbattere la temperatura se supera l'indicatore sopra i 38 gradi. Fino a questo punto, con il normale benessere della madre che allatta, il corpo può essere autorizzato a produrre da solo gli anticorpi, consentendo di far fronte alla malattia. Dovresti anche prendere misure per ridurre la temperatura, se anche un leggero aumento causa una salute estremamente precaria. Dato che ci vuole forza per prendersi cura e nutrire un bambino, questo è giustificato.

Anche in assenza di malattia, la temperatura di una madre che allatta può essere superiore alla norma accettata di 36,6 gradi e raggiungere 37 o addirittura 37,5 gradi.

Informazioni importanti! Durante l'allattamento, la temperatura sotto l'ascella deve essere misurata 30-40 minuti dopo l'alimentazione o l'estrazione. Il sudore deve essere asciugato prima della misurazione.

Correggere la misurazione della temperatura

Quali farmaci per la febbre sono sicuri per l'allattamento

Se la temperatura è aumentata in modo acritico e le condizioni generali sono soddisfacenti, stabili, senza deterioramento, puoi osservare il corpo per 1-2 giorni. La ragione dell'aumento della temperatura può essere la stanchezza cronica dovuta alla mancanza di sonno. È necessario rivedere la routine quotidiana, per allocare abbastanza tempo per il riposo e il sonno. È possibile che siano queste misure a normalizzare lo stato.

Se si riscontrano sintomi concomitanti caratteristici dell'ARVI, come naso che cola e tosse, è necessario bere molti liquidi come terapia. Per questi scopi, le bevande alla frutta di mirtillo rosso e mirtillo rosso, il tè al limone sono l'ideale. Il miglior rimedio popolare per la febbre è la marmellata di lamponi, aiuta a sudare. Bere molti liquidi caldi prima di mangiare. Inoltre, in condizioni di allattamento al seno, non dovresti lasciarti trasportare, in modo che il bambino non abbia un'allergia..

Risciacqua regolarmente il naso con soluzioni saline, inalazione di vapore e gargarismi. È inoltre necessario osservare le condizioni di temperatura e umidità nella stanza in cui si trovano il bambino e la madre. L'aria fresca e umida impedisce l'ispessimento del muco nel rinofaringe.

Rimedi casalinghi popolari

Informazioni importanti! Con la mastite, bere molti liquidi è controindicato, causerà un forte afflusso di latte, che peggiorerà la condizione.

Se le dinamiche sono negative e non vi è alcun miglioramento il 3 ° giorno dopo l'inizio dei sintomi della malattia, è necessario assumere un agente antipiretico. A condizione che l'allattamento continui, possono essere approvati solo i farmaci basati su due principi attivi:

  • paracetamolo;
  • ibuprofene.

Nonostante il fatto che passino nel latte materno, la loro azione è sicura per il bambino. Sono questi medicinali sotto forma di sciroppi e supposte che possono essere assunti direttamente dai bambini. Il dosaggio per un adulto deve essere calcolato in base al peso. È necessario assumere farmaci immediatamente dopo l'alimentazione, in modo che entro il prossimo la concentrazione del principio attivo sia già minima. Durante il giorno, quando è urgente abbassare la temperatura, la forma raccomandata del medicinale è compresse e sciroppo, usa una candela di notte. La durata della supposta è più lunga e il medicinale in questa forma penetra minimamente nel latte materno.

Farmaci consentiti per l'allattamento

È severamente vietato assumere farmaci a base di aspirina durante l'allattamento, nonché compresse solubili effervescenti. Il rischio di conseguenze negative per il bambino dopo aver assunto tali farmaci da una madre che allatta è molto alto. Il cervello e il fegato sono a rischio. Se a casa non ci sono farmaci approvati, è meglio usare metodi casalinghi: si tratta di impacchi freddi e strofinamento, piuttosto che assumere sostanze pericolose per la vita del bambino.

Quando interrompere l'allattamento al seno

È necessario decidere la continuazione del GV o una pausa temporanea dopo la visita di un medico. È necessario valutare e soppesare i rischi che sono possibili per il bambino quando la madre si ammala e assume farmaci.

Quando è consentito l'allattamento al seno

Con le seguenti malattie, accompagnate da una temperatura elevata (aumentata entro limiti ragionevoli, fino a 38 °), l'allattamento può e deve essere mantenuto:

  • Con le infezioni respiratorie acute e le infezioni virali respiratorie acute, a volte vengono chiamate "raffreddori", la madre che allatta, a stretto contatto con il bambino, gli ha comunque trasmesso il virus. Quando la temperatura aumenta, il corpo femminile inizia già a produrre interferone per combattere il virus. Gli anticorpi penetrano anche nel latte, quindi il bambino non si ammalerà affatto o trasferirà facilmente la malattia, avendo sviluppato un'immunità protettiva per il futuro;
  • La lattostasi, la mastite in una fase iniziale (non purulenta) non sono motivi per interrompere l'HV, al contrario, lo svuotamento regolare del seno è necessario per il successo del trattamento; in caso contrario, il torace traboccherà e causerà una temperatura ancora più elevata;
  • Un'infezione intestinale in una forma lieve passa dopo che il tratto gastrointestinale è stato completamente ripulito dalle tossine. Questo accade in un giorno se segui una dieta. È necessario continuare l'alimentazione per sviluppare anticorpi nel latte contro l'infezione.

Quando interrompere l'allattamento

La maggior parte delle malattie non rappresenta un rischio per il bambino e l'allattamento può essere continuato. Tuttavia, ci sono una serie di malattie in cui l'alimentazione dovrà essere interrotta per un po '. Questi includono:

  • polmonite;
  • tonsillite purulenta;
  • mastite purulenta;
  • cistite;
  • grave infezione intestinale;
  • dissenteria.

A causa delle gravi condizioni della madre con tali malattie, la produzione di latte può diminuire, ma ha ancora bisogno di una quantità sufficiente di energia. Pertanto, prima di tutto, è necessario il trattamento. Le infezioni batteriche, trattate con antibiotici, provocano un aumento significativo della temperatura. Di per sé, sono raramente compatibili con l'allattamento, possono causare allergie e disbiosi. Inoltre, le malattie sono pericolose per il bambino a causa delle tossine che penetrano nel latte. Per un neonato, ciò influirà negativamente sulla condizione..

Come mantenere l'allattamento durante il trattamento

Se la malattia ti consente di mantenere l'allattamento, devi continuare a nutrirti come al solito, che era prima della malattia. In una situazione in cui il medico ha prescritto un'interruzione temporanea dell'allattamento per il periodo di terapia, è necessario estrarre regolarmente. In questo modo, il latte non andrà sprecato, poiché la necessità non diminuirà. Dopo il recupero, puoi continuare a nutrirti con successo.

Non molto tempo fa, c'era un tempo in cui, in caso di malattia, si consigliava alla madre di far bollire il latte spremuto e, dopo il trattamento termico, darlo al bambino attraverso un biberon. I pediatri moderni insistono categoricamente a non farlo, poiché dopo l'ebollizione tutti gli oligoelementi utili dal latte scompaiono e non ha valore biologico..

Se la madre sta assumendo farmaci che non sono compatibili con l'allattamento al seno o se l'infezione è batterica grave, il latte estratto deve essere scartato. Per questo periodo, il bambino deve essere trasferito alla nutrizione artificiale e alimentato con latte artificiale. Dopo il recupero e la consultazione con il medico curante sul periodo di completa eliminazione dei farmaci dal corpo, l'allattamento al seno può essere continuato.

Esprimere per mantenere l'allattamento

Un aumento della temperatura in una madre che allatta non è sempre un motivo per interrompere o addirittura interrompere l'allattamento al seno. A volte il bambino può e deve continuare a essere nutrito ad alta temperatura. Questo è ciò che gli consente di trasferire più facilmente l'infezione e sviluppare un'immunità protettiva. La diagnosi della malattia, il cui sintomo è l'ipertermia, dovrebbe essere trattata da un medico qualificato..

Febbre in una madre che allatta: cosa fare e se è possibile nutrirsi

L'alta temperatura durante l'allattamento al seno sorprende quasi tutte le madri, perché è necessario prendere immediatamente misure per il trattamento e risolvere il problema dell'alimentazione del bambino. A causa della ridotta immunità, il corpo di una madre che allatta è piuttosto vulnerabile e potrebbero esserci diversi motivi per l'aumento della temperatura.

Le ragioni principali dell'aumento della temperatura durante l'HW

La causa più comune di un tempo così brutto è una malattia infettiva. Durante un'epidemia, può essere influenza o infezioni respiratorie acute e ogni giorno - qualsiasi infezione virale o batterica trasmessa da goccioline trasportate dall'aria. In questo caso, il rischio più elevato è quello di infettare il bambino. Ma contrariamente alla credenza popolare, non vale la pena interrompere l'alimentazione durante questo periodo, poiché le sostanze medicinali che entrano nel corpo del bambino servono come una sorta di vaccinazione, rafforzano l'immunità del bambino, riducendo così le possibilità di ammalarsi.

Oltre a un raffreddore o un'altra malattia virale, la causa della febbre può anche essere:

  • sviluppare lattostasi o, peggio ancora, mastite;
  • tonsillite o tonsillite purulenta;
  • esacerbazione di malattie croniche;
  • conseguenze scarsamente curative di un taglio cesareo;
  • infiammazione degli organi femminili dopo il parto;
  • possibile avvelenamento.

In ogni caso, quando compare una temperatura, una donna deve chiamare un medico per identificare la causa corretta e prescrivere un trattamento, che a volte può contraddire l'allattamento al seno. Ma solo un terapista può risolvere questo problema, in base ai farmaci prescritti, alla salute della madre e al rischio di infezione del bambino..

Come misurare correttamente la temperatura

La produzione attiva di latte materno influisce sempre sulla temperatura corporea, quindi non è consigliabile misurarla sotto la cavità muscolare. Anche in caso di malessere nell'ospedale di maternità, alla madre vengono misurati indicatori nella zona della bocca o dell'inguine. Ma il risultato più affidabile può essere ottenuto nella curva del gomito. La temperatura è considerata normale da 36,6 a 37,4 gradi. I numeri sopra indicano la presenza di un processo infiammatorio nel corpo di una donna che allatta..

Effetto della temperatura elevata sul latte

Prima di decidere di abbassare la temperatura o meno, vale la pena chiarire come influisce sul latte materno, perché da questo dipende non solo il trattamento della malattia, ma anche la qualità della nutrizione del bambino. Se l'alta temperatura è provocata da gravi complicazioni dopo le malattie passate, si sviluppa un'infiammazione e compaiono neoplasie purulente, allora è meglio smettere di nutrirsi per la durata del trattamento, poiché i componenti di farmaci forti penetreranno nel corpo del bambino. Allo stesso tempo, il latte dovrebbe essere estratto in modo che non scompaia e il bambino dovrebbe essere trasferito all'alimentazione artificiale o alle scorte congelate di latte materno.

Se la causa della febbre è la lattostasi o il ristagno del latte, all'inizio nulla influisce sul suo gusto e sulla sua qualità e la nutrizione può essere continuata ulteriormente, fino a quando le ghiandole mammarie non si alleviano.

ARI o ARVI non costituiscono un pericolo particolare per il bambino, al contrario, contribuiscono all'ingresso di anticorpi nel piccolo corpo del neonato e temperano il sistema immunitario. I raffreddori praticamente non influenzano il latte nel seno e non vale la pena interrompere l'alimentazione per questo motivo.

Modi per abbassare la temperatura

Il segno sul termometro sopra i 38,5 gradi nel novanta per cento dei casi deve essere abbattuto, specialmente la temperatura durante l'allattamento. Se senti febbre o brividi, dovresti misurare gli indicatori e consultare un medico, una diagnosi e un trattamento tempestivi aiuteranno a prevenire lo sviluppo di complicazioni e ad accelerare il processo di guarigione. Tra i modi per abbassare la temperatura corporea sono popolari e medicinali.

Rimedi popolari

L'uso della medicina tradizionale può essere considerato un trattamento indipendente o un approccio integrato, insieme ai farmaci. Prima di tutto, per rimuovere le sostanze nocive, dovresti consumare molto liquido. Si consiglia di bere bevande calde, né fredde né calde. È buono cucinare bevande alla frutta o composta a casa; per scopi medicinali, sono adatte bevande alla frutta di mirtilli rossi o ribes nero, lamponi, tè debole con aggiunta di miele, zenzero o limone.

La pace e la tranquillità non hanno ancora danneggiato nessuno durante il recupero del corpo in caso di malattie. Dovresti aderire al riposo a letto, dormire di più e riposare per dirigere tutte le forze del corpo per mantenere la forza e combattere il virus.

Impacchi sulla fronte aiuteranno anche ad alleviare la condizione fisica e ad abbassare la temperatura. Puoi usare un asciugamano imbevuto di acqua o aceto diluito. La stessa composizione può essere utilizzata per pulire il corpo, viene eseguita su tutto il corpo, esclusa la zona del torace, e soprattutto lungo il collo, si piega su gomiti e ginocchia, zona inguinale.

Quello che non dovresti fare è avvolgerti in coperte calde e indossare più vestiti. Ciò interromperà il trasferimento di calore e la temperatura potrebbe aumentare ancora di più..

Inoltre, non dovrebbe essere consentito lo sfregamento con alcol del corpo, essendo assorbito attraverso la pelle, entrerà rapidamente nel sangue della madre che allatta, quindi con il latte e il bambino, cosa che non può essere consentita.

Farmaci

Durante l'allattamento, assumere farmaci con grande cura e solo in conformità con la prescrizione del medico. Prima di tutto, dovresti scegliere i fondi consentiti con le guardie, e questo:

  • Paracetomol e preparati che lo contengono in grandi quantità - Panadol sotto forma di sciroppo o supposta di Tsefekon. Dovresti studiare attentamente il dosaggio del farmaco, perché meno entra nel corpo di una madre che allatta, meglio è. Per abbassare la temperatura, è sufficiente prendere le pillole 1 volta e con un secondo aumento puoi bere il medicinale dopo 4 ore;
  • Anche i prodotti a base di ibuprofene sono considerati sicuri. Nurofen (supposte, sciroppo, capsule con una composizione liquida) o l'omonima versione di ibuprofene per bambini non garantiscono l'effetto peggiore quando la temperatura scende. Nurofen di solito funziona per 8 ore e in caso di necessità urgente può essere utilizzato fino a 4 volte in un giorno. L'ibuprofene, che fa parte della composizione, aiuterà a calmare la febbre, alleviare l'infiammazione e agire anche come analgesico.

I farmaci antivirali hanno anche recensioni positive sulla lotta contro la temperatura:

  • Oscillococcinum: aiuterà nelle prime fasi dello sviluppo della malattia, la temperatura scomparirà rapidamente e potrebbe non aumentare di nuovo;
  • Viferon;
  • Genferon.

Questi ultimi sono ufficialmente ammessi durante la gravidanza e l'allattamento, producono interferone naturale nel corpo, contribuendo a una pronta guarigione.

Se la temperatura è aumentata a causa della lattostasi, nessun rimedio popolare aiuterà, bere il seno si riempirà ancora di più, il che di conseguenza potrebbe persino portare a un intervento chirurgico. Solo l'alimentazione o l'estrazione frequenti aiuteranno ad alleviare il dolore; questa procedura può essere facilitata sotto la doccia. Dopo aver svuotato il seno, anche la temperatura si abbasserà lentamente, in caso contrario, questo è un motivo per pensare seriamente e visitare un mammologo.

Regole per l'assunzione di antipiretici con hv

L'assunzione di farmaci è sempre accompagnata da un certo rischio per il bambino, quindi, quando si usano antipiretici, è necessario osservare alcune regole:

  • puoi assumere solo farmaci approvati per l'HV: il paracetomolo e l'ibuprofene a piccole dosi vengono assorbiti nel sangue della madre e non sono praticamente pericolosi per il bambino;
  • non è necessario abbassare la temperatura sotto i 38,5; l'antipiretico va bevuto solo in caso di urgente necessità;
  • regolare l'alimentazione in modo tale da assumere i farmaci dopo il successivo con un intervallo tra le assunzioni di almeno 4 ore.

Un aumento della temperatura corporea è sempre la prova di un processo infiammatorio nel corpo. Pertanto, quando appare, è necessario contattare un terapista o un mammologo, a seconda delle cause della temperatura. Il medico determinerà la diagnosi e suggerirà metodi di trattamento. Spetta a una madre che allatta seguire rigorosamente tutte le raccomandazioni e assumere farmaci secondo le istruzioni e la prescrizione. Quindi il processo di guarigione non richiederà molto tempo e non danneggerà il bambino..

Temperatura in una madre che allatta durante l'allattamento: cosa può e cosa non può

Data di pubblicazione: 08.11.2018 | Visualizzazioni: 16644

Un aumento della temperatura corporea è un sintomo che segnala disturbi fisiologici nel corpo. Più spesso segnala infezioni virali, batteriche o esacerbazione di malattie croniche. Una madre che allatta non fa eccezione e le cause della febbre sono generalmente standard, ma ci sono fattori provocatori inerenti solo alle donne dopo il parto. Le tattiche comportamentali sono determinate dopo la diagnosi delle violazioni.

Temperatura normale di allattamento al seno

Con il primo afflusso di latte di transizione (il 3-4 ° giorno), il sistema endocrino viene ricostruito secondo un nuovo regime. Ora le risorse del corpo sono dirette alla crescita, allo sviluppo del bambino e al recupero dopo il parto. A causa dell'aumento del carico, il sistema immunitario reagisce con febbre di basso grado: il termometro mostra 1-2 gradi sopra la norma individuale (37-37,5 ° C).

La temperatura di una persona sana (senza allattamento) varia durante il giorno da 36,5 ° C a 37 ° C. L'indicatore cambia, a seconda dell'ora del giorno, dello stress fisico e psicologico. La condizione subfebrile dopo il parto è uno stato normale del corpo, che è influenzato da 2 fattori: stress postpartum e cambiamenti ormonali.

La temperatura di una madre che allatta può normalmente raggiungere i 37,5 ° C.

Più si accumula il latte materno nelle ghiandole, più viene caricata l'immunità locale, più aumenta la temperatura. Se a una donna viene diagnosticata una mastite (complicanze di un dotto ostruito), la velocità sale a 39 ° C.

Si consiglia di misurare la temperatura un'ora o 30 minuti prima dell'alimentazione. Mentre il latte scorre, il termometro si alza, dopo aver smesso di succhiare torna alla normalità.

I primi 1-1,5 mesi dopo il parto, una donna che allatta è accompagnata da febbre di basso grado. Se non ci sono sigilli e noduli nelle ghiandole, non c'è motivo di preoccuparsi. Il fenomeno è normale e con il drenaggio mammario giornaliero, il termometro scenderà a 36,6 entro la fine del secondo mese.

Risultati della ricerca

La temperatura della pelle del seno è stata misurata durante l'HW in 11 madri per un totale di 47 volte utilizzando un Coretemp CM-210 (Terumo Corporation, Tokyo, Giappone) per studiare i cambiamenti nella temperatura della pelle del seno durante l'allattamento. In entrambi i seni, la temperatura cutanea del seno era significativamente più alta della temperatura cutanea di base dall'inizio della suzione a 5 minuti dopo la fine della suzione, e la temperatura media della pelle del seno prima dell'allattamento nel periodo da 4 giorni a 8 settimane dopo la nascita era significativamente più alta di nei primi 1-2 giorni dopo il parto. Questi risultati mostrano che la temperatura della pelle del seno aumenta durante i primi 1-2 giorni e 4-5 giorni dopo il parto e che la temperatura della pelle del seno rimane alta durante la suzione e fino a 5 minuti dopo il completamento della suzione..

Come misurare correttamente la temperatura per una madre che allatta

In una donna su tre, durante l'alimentazione, la temperatura sale a 37,5-37,6 ° C. L'indicatore è naturale e normalmente diminuisce dopo 30-60 minuti. Pertanto, è meglio misurare la temperatura dopo aver rimosso l'iperemia dalle ghiandole e nel rispetto delle regole.

Raccomandazioni

  • Tempo di misurazione: 30-60 minuti dopo l'alimentazione, un'ora dopo il sonno.
  • La pelle delle ascelle viene lavata e asciugata.
  • Premere saldamente il termometro a mano.
  • Durante la procedura, non muoverti, non mangiare, non bere.
  • Durata: 5 minuti.
  • Se si sospetta il ristagno dei condotti, misurare la temperatura in entrambe le cavità.

Gli scienziati svedesi sono giunti alla conclusione che il modo più accurato per scoprire la t del corpo è rettale, poiché il sudore e gli indumenti colpiscono le ascelle. Lo studio è stato condotto nel 2007-2008 con 323 pazienti (Fonte: rivista svedese The Local, i risultati della ricerca pubblicata, purtroppo, non sono stati trovati). Questo metodo non è escluso per una madre che allatta e viene utilizzato a volontà..

Normalmente, il termometro viene mantenuto intorno ai 37-37,4 ° C, ma se l'indicatore è superiore a 37,7 ° C, il processo patologico nel corpo non è ambiguo. Diagnosi e trattamento dei sintomi richiesti.

È possibile allattare al seno un bambino a una temperatura

La capacità di virus e batteri di penetrare nel latte non è un motivo per rifiutare l'allattamento al seno. Anche prima che compaiano i primi sintomi della malattia, il corpo della madre produce anticorpi protettivi volti a combattere le infezioni. Queste immunoglobuline passano nel latte materno e vengono trasmesse al bambino. Pertanto, il corpo del bambino è preparato in anticipo per combattere il microbo..

Le indicazioni per lo svezzamento dall'epatite B a temperatura sono malattie gravi, il cui trattamento richiede l'assunzione di farmaci antibatterici. L'alimentazione si interrompe anche se vengono prescritti farmaci antidolorifici o chemioterapia.

Controindicazioni

  • Gravi complicanze delle malattie renali e del sistema genito-urinario.
  • Avvelenamento del sangue.
  • Tubercolosi.
  • Mastite purulenta.
  • Infezioni acute: tonsillite, sinusite, polmonite, dissenteria, tifo, colera.

Nel decorso acuto della patologia si formano prodotti di decomposizione di microbi dannosi, che penetrano nel latte. Le tossine arrivano al bambino, la microflora del tratto gastrointestinale è disturbata, la struttura del plasma cambia. Il ragazzo sta attraversando un avvelenamento. In tali situazioni, si consiglia di esprimersi per non inibire l'allattamento..

L'alimentazione continua

  • Con ARVI, ARI, influenza.
  • Dotti lattiferi ostruiti (mastite senza pus).
  • Se infettato da stafilococco.
  • In caso di esacerbazione di patologie croniche (assunzione di medicinali sicuri).

L'alimentazione deve essere interrotta solo in situazioni di emergenza, quando la probabilità di danni derivanti dalla composizione supera i benefici del latte materno. Anche con la terapia antibiotica vengono prescritti farmaci compatibili con l'epatite B: cefalosporine e penicilline (Ceftriaxone, Amoxicillina).

Cosa fare alle alte temperature

Quindi, con una lettura fino a 37,4 ° C, non c'è motivo di farsi prendere dal panico. In questo caso, si consiglia di monitorare la temperatura per 3-4 giorni. Un aumento può provocare uno stress banale o una mancanza di sonno. Normalmente, la temperatura torna alla normalità entro un giorno. Se si verifica un aumento dell'indicatore, è tempo di agire.

Algoritmo generale delle azioni

  1. Non interrompere l'allattamento al seno (la decisione viene presa dopo aver scoperto il motivo).
  2. Diagnosticare la causa del sintomo (chiamare un medico).
  3. Inizia il trattamento con metodi popolari.
  4. Se il trattamento domiciliare è inefficace, applicare i farmaci.

Se la temperatura non è critica, si consiglia di monitorare la condizione per 1-2 giorni. Le malattie in cui si interrompe l'alimentazione si verificano bruscamente e bruscamente, accompagnate da febbre e febbre. Il ricovero urgente è richiesto solo per questi sintomi.

Per eliminare i rischi di complicanze, è meglio chiamare un medico entro 24 ore dal rilevamento di un sintomo. Una mamma e un bambino che allattano sono vulnerabili ai focolai di raffreddore e influenza. A causa dell'immunità indebolita, i virus senza trattamento "diminuiscono" entro 3 giorni. Risultato: polmonite, laringite grave, meningite, cessazione dell'epatite B..

Se la temperatura non supera i 38 ° C, si consiglia di bere molti liquidi e di riposare a metà letto. È importante continuare l'allattamento al seno poiché il miglior agente immunomodulatore per un bambino è il latte materno..

Se la temperatura è di 38-39 ° C

L'indicatore è considerato critico e segnala che il corpo non può far fronte ai disturbi da solo. Si raccomandano agenti antipiretici e terapia farmacologica mirata. Per il trattamento delle infezioni virali, una madre che allatta può iniziare con metodi di trattamento alternativi:

  • Osservare il regime di bere di 1,5-2 litri di liquidi al giorno - per evitare la disidratazione. L'acqua diluisce il latte, previene la lattostasi.
  • Bere una tazza di tè con limone o miele (0,5 cucchiaini) 3 volte al giorno. Il metodo è accettabile se il bambino non ha la tendenza alle allergie.
  • Bere un decotto di foglie di rosa selvatica o lampone (1 cucchiaio di frutta in un bicchiere di acqua bollente, lasciare agire 30 minuti). Dose consigliata - 2 volte al giorno: mattina e sera.
  • Applicare impacchi di garza freddi sulla fronte.
  • Strofinare con una soluzione debole di aceto (1 ml di acido acetico al 70% per bicchiere d'acqua).

L'uso di metodi popolari neutralizza il raffreddore in 5 giorni. Ma se la temperatura di una madre che allatta non scende per più di 3 giorni, sono necessari farmaci antipiretici.

Antipiretico durante l'allattamento

Se la temperatura non si smarrisce con i rimedi popolari, i terapisti consigliano rimedi a base di paracetamolo e ibuprofene. I farmaci penetrano nella barriera della lattazione, ma sono sicuri per il corpo del bambino.

Medicinali consentiti

  • Paracetamolo;
  • Panadol;
  • Ibuprofene (Ibufen).

I farmaci agiscono contro il calore, il dolore e l'infiammazione. Rilasciato in compresse, sospensioni e supposte. Differenze nella forma di rilascio - tempo di esposizione. Gli sciroppi agiscono in 15-20 minuti, una targa - in 30-40 minuti, sospensione rettale - tra un'ora. Se la temperatura deve essere abbassata urgentemente, è meglio bere una sospensione o una capsula, si consigliano supposte rettali durante la notte.

Medicinali vietati

  • Aspirina;
  • Nimesil;
  • Fervex;
  • Coldrex;
  • Nise;
  • Nemulex.

L'effetto dei farmaci sul latte non è stato studiato, ma l'elenco degli effetti collaterali è un motivo per rifiutare l'epatite B. Le polveri complesse contengono sostanze che inibiscono il lavoro del sistema nervoso centrale e provocano disturbi nello sviluppo del bambino.

Può il latte scomparire a temperatura: cause di ristagno

Secondo le madri che allattano, quando la temperatura corporea supera i 38,0 ° C, arriva meno latte al riflesso della suzione. Ma i pediatri sostengono che se la causa della febbre non è associata a lattostasi o mastite, non vi è alcun cambiamento nei volumi di alimentazione. È importante seguire il regime di consumo e applicare il bambino secondo il solito programma o più spesso.

La febbre in una donna che allatta è normale, a causa della debolezza del sistema immunitario dopo il parto. Se la causa viene diagnosticata entro 48 ore e il trattamento viene avviato immediatamente, il sintomo scompare entro 3 giorni. Allo stesso tempo, il rifiuto dell'allattamento al seno è giustificato solo nel 9-14% dei casi - con gravi patologie. In altre situazioni, è necessario aumentare la frequenza dell'attaccamento per proteggere il corpo del bambino da virus e infezioni..

Dessert per oggi - video su 5 modi per abbassare la temperatura.

Una donna può allattare al seno a una temperatura elevata?

I pediatri consigliano di dare il seno al bambino su richiesta. Tuttavia, una serie di circostanze può impedire alla madre di seguire le raccomandazioni. A volte una donna si ammala e inizia a dubitare che sia possibile allattare al seno ad alta temperatura..

Ragioni di temperatura

L'ipotermia stessa è solo un sintomo di qualche tipo di malattia. Solo un medico può determinare la causa esatta. Quando vengono eseguiti test di laboratorio per determinare se è possibile allattare al seno se la temperatura aumenta, a una donna viene spesso diagnosticato:

  1. Infiammazione dopo il parto. Se la madre avverte dolore all'addome, che è accompagnato da una temperatura di basso grado (fino al 38%), molto probabilmente ci sono complicazioni postpartum. La patologia più grave è l'endometrite. Può avere conseguenze negative. Pertanto, al minimo sospetto di un processo infiammatorio, dovresti consultare un medico.
  2. Virus. Nella stagione fredda, gli ARVI di varia gravità sono comuni. Possono essere riconosciuti da un forte aumento della temperatura a 38,5 - 39,5 gradi, secrezione nasale. Spesso ci sono sintomi come dolori muscolari, mal di testa, condizioni generali "rotte".
  3. Latte stagnante. La lattostasi e la mastite sono problemi gravi che richiedono un trattamento immediato. Si presentano molto spesso a causa del latte in eccesso o di un'alimentazione organizzata in modo improprio. Se si osservano crepe profonde sui capezzoli, può unirsi un'infezione fungina o batterica. I principali sintomi della lattostasi: grave gonfiore della ghiandola mammaria, dolore (all'inizio potrebbe non essere), arrossamento, un leggero aumento della temperatura.
  4. Intossicazione del corpo. Più spesso si verifica a causa di intossicazione alimentare, accompagnata da nausea, forte dolore addominale, diarrea. Si possono osservare alti tassi (sopra i 39 gradi).
  5. Fatica. Un cambiamento radicale nello stile di vita può paralizzare una donna così tanto che noterà un frequente inaspettato aumento della temperatura..
  6. Ovulazione. I miti secondo cui il processo è impossibile mentre GW è in corso sono stati a lungo dissipati dagli specialisti. L'ovulazione avviene già nel primo mese dopo la nascita del bambino. Allo stesso tempo, c'è un cambiamento nella temperatura basale: sale leggermente sopra i 37 gradi.
  7. Malattie croniche: cistite, tonsillite, pielonefrite, ecc..

Le madri che allattano dovrebbero prestare attenzione alle condizioni delle vene. Durante il parto, le pareti venose spesso si infiammano, il che può causare tromboflebite..

È possibile nutrire un bambino durante una malattia?

I pediatri consigliano l'allattamento al seno per quasi tutte le cause di ipertermia. I vantaggi sono dovuti ai seguenti fattori:

  • senza il regolare svuotamento del seno da parte del bambino, la lattostasi può peggiorare, perché è impossibile esprimere fino all'ultima goccia;
  • durante la malattia, il corpo della madre forma anticorpi, che penetrano nel latte materno e quindi nel corpo del bambino.

Non appena la febbre della madre raggiunge i 38 gradi, deve essere abbattuta con un farmaco antipiretico. Le donne che allattano possono usare il paracetamolo e l'ibuprofene, disponibile sotto forma di compresse o supposte.

Se l'ipertermia è causata da un'infezione virale, bere molti liquidi è indicato per alleviare la condizione e recuperare rapidamente. In caso di forte stress, la prima cosa che una madre dovrebbe fare è riposarsi, calmarsi. Quindi la sua salute tornerà gradualmente alla normalità..

Casi di rigetto del seno

L'allattamento al seno può essere continuato solo se la donna ha escluso farmaci controindicati per l'epatite B. Si consiglia di interrompere l'allattamento per i seguenti motivi:

  • dolore al petto (soprattutto se accompagnato da febbre alta);
  • gravi malattie degli organi interni;
  • la malattia della mamma è di natura batterica (il che implica un trattamento antibiotico).

Le controindicazioni all'epatite B sono malattie materne come:

  • qualsiasi forma di tubercolosi;
  • sifilide;
  • AIDS;
  • epatite.

Trattamento

Poiché l'ipertermia è causata da una varietà di malattie, ci sono diversi modi per trattarla. La cosa principale è ricordare che lo stato del bambino dipende dalla salute della madre che allatta, quindi qualsiasi terapia è consentita solo dopo aver consultato un medico.

Rimedi popolari

Il trattamento con metodi naturali "della nonna" ha senso quando l'aumento della temperatura è causato da:

  1. Infezione virale. Per il trattamento è indicata un'abbondante bevanda di acqua pura. Le tisane e gli infusi sono utili ed efficaci. A causa dell'alto contenuto di vitamina C, vengono mostrate bevande con lamponi, limone, ribes e altri frutti di bosco. Il latte caldo è consigliato per alleviare il dolore all'interno del rinofaringe, ma non ha senso berlo da una tosse secca. Per proteggere il bambino dall'allergia ai frutti di bosco, dovresti provare un nuovo tè gradualmente, ricordando di monitorare le condizioni delle briciole. Si consiglia a una madre che allatta di indossare una benda di garza per proteggere il più possibile il bambino dall'infezione.
  2. Fatica. Il silenzio, la pace e un impacco freddo aiuteranno. Il panno per esso può essere inumidito in una soluzione di aceto e acqua.

Entrambi i casi implicano il riposo a letto. Va bene se c'è un assistente, ad esempio un parente stretto, che si prenderà cura del bambino..

I rubdown rimangono un modo comune per abbassare rapidamente la temperatura. A tale scopo, utilizzare vodka o aceto diluito con acqua (rapporto da 30 a 70), oltre a tessuto naturale morbido. Si consiglia di pulire prima i gomiti, le ginocchia, i piedi e le ascelle. Se non si osserva alcun effetto, puoi bagnare completamente il tuo corpo. Quindi dovresti sdraiarti senza una coperta in modo che il liquido evapori liberamente..

Il clistere con un decotto di camomilla viene abbattuto con successo. Foglie secche (4 cucchiai. L.) Versare 250 ml di acqua bollente. Quindi filtrare l'infuso, diluire con acqua (100 ml di infuso per 100 ml di acqua), fare un clistere.

Farmaci

Attualmente, l'OMS nomina solo 2 sostanze antipiretiche attive che sono accettabili per l'HS: ibuprofene e paracetamolo.

L'ibuprofene allevia il dolore, neutralizza l'infiammazione, abbassa la temperatura. È prescritto per malattie infettive delle vie respiratorie, nevralgiche e altre deviazioni. Nel sangue, la concentrazione più alta si osserva un paio d'ore dopo l'assunzione del farmaco contenente ibuprofene. Pertanto, non ha senso aspettarsi un rapido abbassamento della temperatura, l'effetto massimo si verifica almeno in un'ora. Per l'allattamento, la dose massima sicura è di 800 mg al giorno..

Dopo un sovradosaggio, si osservano i seguenti effetti collaterali:

  • nausea;
  • reazioni allergiche;
  • vertigini.

Farmaci comuni contenenti ibuprofene: Ibuprom, Ibufen, Nurofen.

È meglio prendere il medicinale immediatamente dopo la successiva poppata, in modo che la volta successiva la concentrazione della sostanza sia ridotta.

I preparati contenenti paracetamolo non sono meno popolari e si trovano spesso nei kit di medicinali domestici. Hanno un lieve effetto antinfiammatorio, sono spesso prescritti dai medici insieme all'analgin (che è controindicato per le donne che allattano). L'effetto antipiretico massimo si verifica entro 40 minuti dalla somministrazione. Durante l'allattamento, è consentito assumere non più di 4 compresse al giorno, tuttavia solo un medico può prescrivere il dosaggio esatto.

Poiché il paracetamolo passa nel latte materno, è tossico per il fegato del bambino. Per ridurre i rischi, non dovresti bere tali farmaci per più di 5 giorni. Per escludere una reazione allergica nei neonati, è necessario scegliere le opzioni in cui vi è un minimo di eccipienti.

Farmaci popolari a base di paracetamolo: Fervex, Panadol, Coldrex, Teraflu, Anvimax, Flucoldex.

Se il farmaco con un ingrediente attivo non funziona, è consentito assumere altre 2 ore dopo. Ad esempio, il paracetamolo a volte non abbassa la temperatura oltre i 39 gradi. Allora dovresti prendere l'ibuprofene.

È consigliabile che le madri che allattano prestino attenzione alle supposte rettali antipiretiche. Vantaggi dell'utilizzo:

  • il principio attivo praticamente non penetra nel latte;
  • ha un effetto più morbido e duraturo.

Adulti e bambini non devono essere trattati con supposte per più di tre giorni..

Ci sono momenti in cui a una donna è severamente vietato auto-medicare. Se hai questi sintomi, dovresti consultare immediatamente un medico:

  • l'ipertermia si verifica periodicamente per un motivo sconosciuto;
  • dopo l'antipiretico rimane intorno ai 37,5-38 gradi;
  • dura più di 3 giorni.

Queste condizioni implicano un'infezione batterica o fungina. Quindi sono necessari farmaci, che possono essere prescritti solo da un medico..

L'ipertermia non è un motivo per privare un bambino del latte materno. Tuttavia, ci sono sempre dei prerequisiti. Per capire il motivo, oltre a mantenere la salute, è quindi meglio avvalersi delle raccomandazioni di un medico esperto.

È possibile allattare al seno a una temperatura

Allattamento al seno a una temperatura

Il periodo di allattamento al seno è piuttosto lungo, quindi non sorprende che le madri che allattano abbiano il tempo di ammalarsi di malattie virali durante questo periodo.

Cosa deve sapere una donna per non gestire la sua salute e non danneggiare il bambino? Parliamo di questo in ordine..

Motivi per un aumento della temperatura durante l'acqua calda

La prima cosa che mi viene in mente è la SARS, ma cosa succede se praticamente non esci di casa e, oltre alla febbre, non ci sono altri sintomi.

Non c'è bisogno di indovinare, è necessario chiamare immediatamente un medico che stabilirà una diagnosi accurata e prescriverà un trattamento accettabile per l'allattamento al seno. Ecco alcuni dei motivi più comuni:

  1. Se si osserva un aumento della temperatura nelle prime settimane dopo il parto, il motivo è molto probabilmente dovuto all'infiammazione postpartum o all'esacerbazione dell'infezione. In questo caso, la donna è semplicemente obbligata ad andare in ospedale per fare tutte le ricerche e gli esami necessari..
  2. La mastite è una malattia delle ghiandole mammarie causata dall'esposizione a Staphylococcus aureus. Nella maggior parte dei casi, si verifica a causa di un'igiene impropria della donna. Durante l'allattamento al seno, è molto importante monitorare le condizioni della pelle del seno. È necessario fare la doccia ogni giorno, se ci sono crepe e ferite sui capezzoli, è necessario trattarli con unguenti medicinali. È attraverso di loro che i batteri penetrano nella pelle..
  3. L'ARVI è un'infezione virale respiratoria acuta. Un fenomeno molto diffuso nella stagione fredda, però, si può ottenere anche in estate.
  4. Avvelenamento del cibo. Nonostante il fatto che durante il periodo dell'allattamento al seno le donne siano molto attente alla loro dieta, ci sono spesso casi di avvelenamento.

Come misurare correttamente la temperatura dell'acqua calda?

Poche persone sanno che quando si misura la temperatura sotto l'ascella, quando la ghiandola mammaria è il più piena possibile, la temperatura aumenterà. Un indicatore fino a 37,3 è considerato la norma.

Ciò è dovuto al fatto che durante la produzione di latte viene generato calore, a causa del quale la temperatura corporea aumenta leggermente. Pertanto, dovrebbe essere misurato nella curva del gomito o mezz'ora dopo l'alimentazione o il pompaggio sotto l'ascella. Prima di ciò, è necessario pulire il sito di misurazione e solo allora prendere le misurazioni.

È possibile nutrirsi con la temperatura?

È anche molto comune credere che se una madre che allatta un bambino ha anche una temperatura bassa, dovrebbe interrompere urgentemente l'alimentazione. Il latte deve essere spremuto e scartato.

Questa è un'informazione obsoleta! Nel tempo, i medici sono giunti alla conclusione che non solo non è dannoso nutrirsi durante una temperatura, ma anche utile! Quasi tutte le organizzazioni più grandi e rispettate hanno raggiunto un'opinione comune.

Il primo motivo per cui non dovresti interrompere l'allattamento è che un bambino in futuro potrebbe abbandonare completamente l'allattamento al seno. Dopotutto, se la mamma versa il latte materno, dovrà integrare con la formula.

Molti bambini si rifiutano di allattare dopo il biberon. Inoltre, c'è il rischio di sviluppare la mastite, non importa quanto siano versatili i moderni tiralatte, il tuo bambino è il miglior "devastatore" del seno..

La seconda ragione: insieme al latte materno, il bambino riceve gli anticorpi contro la malattia.

La temperatura stessa non porta alcun danno: è una reazione protettiva del corpo. Gli stessi anticorpi vengono prodotti nell'ipotalamo, che successivamente arriva al bambino, sviluppando l'immunità a una malattia virale.

Inoltre, nei primi giorni della malattia, non ci sono praticamente sintomi e la madre, contro la sua volontà, può infettare il bambino. Quindi puoi nutrirti con una temperatura, l'importante è iniziare il trattamento in tempo, che può essere combinato con l'allattamento al seno..

Trattamento per l'allattamento al seno

La causa più comune di febbre è il raffreddore. È importante capire che non tutti i farmaci possono essere assunti durante l'allattamento..

Successivamente, elencheremo i farmaci. Che può essere usato come un'ambulanza fino a quando non puoi vedere un medico.

Quindi, puoi abbassare la temperatura con paracetamolo o nurofene.

Per fare questo, puoi usare le sospensioni per bambini, sono adattate al massimo per il corpo fragile e sensibile di un bambino o di una candela. Saranno loro in futuro che sarà possibile dare un bambino più grande..

Ci sono molti modi popolari:

  1. Tisane: lamponi, ribes nero, limone;
  2. Miele;
  3. Strofinando con una soluzione di aceto;
  4. Strofinando con la soluzione di vodka.

Per il mal di gola può essere utilizzato:

  1. Lizobakt (losanghe);
  2. Miramistin (spray);
  3. Tantum Verde (spray);

Anche questi farmaci approvati hanno controindicazioni, quindi è necessario monitorare attentamente la reazione del bambino.

Dai rimedi popolari, puoi curare la gola:

  1. Gargarismi alla camomilla;
  2. Risciacqui con bicarbonato di sodio;
  3. Latte caldo con burro;