Molti sono interessati alla domanda sui punti dopo il parto, per quanto tempo è impossibile sedersi con loro e per quanto tempo guariscono (foto sotto). Al momento del parto, il perineo è spesso danneggiato (o viene eseguita una dissezione intenzionale), e anche gli organi interni soffrono, questo, in particolare, dipende dalle dimensioni del feto.

Punti dopo il parto per quanto tempo non puoi sederti - la domanda più comune

Quando il perineo è lacerato, la guarigione avviene in tempi relativamente brevi, ma comporta alcuni problemi.

  1. Non si possono evitare sensazioni dolorose, una sutura intradermica (cosmetica interna) porta meno sofferenza, soprattutto da seduti, rispetto alle suture esterne (foto).
  2. Dopo una settimana, di solito si verifica un miglioramento e la seduta è quasi illimitata..

Gli ostetrici raccomandano alle donne in travaglio, se non hanno punti interni, ma ordinari dopo il parto, quanto le madri non possono sedersi, quindi non si siedono da diversi giorni a due mesi, a seconda della gravità del problema e dell'area di sovrapposizione. Puoi mangiare, nutrire il bambino sdraiato e in piedi. Se assolutamente necessario, è consentita una postura semi-seduta, ad esempio, durante il trasporto. È severamente vietato sollevare un carico superiore al peso del bambino e non stare seduto in posizione eretta.

Cuciture interne dopo il parto, per quanto tempo guariscono

Il tempo di assorbimento è diverso, dipende dal tipo di fili utilizzati:

catgut (naturale): assorbimento rapido, fino a 15 giorni;

vicryl (sintetico) - dopo 80 giorni.

I fili interni autoassorbibili (non devono essere rimossi) vengono utilizzati singolarmente, a seconda della posizione dell'incisione. Dopo il parto artificiale, con danni alle labbra, ecc. utilizzare materiale di origine vegetale. Nella sede del perineo vengono utilizzati fili che impiegano più tempo ad assorbire, dato il trauma di questa localizzazione. Le cuciture interne dopo il parto, quanto guariscono esattamente come descritto sopra, guariscono più a lungo, ad esempio sull'utero (foto sopra), sulla parete addominale fino a 5 mesi o anche fino a sei mesi, non hanno bisogno di cure particolari. Per accelerare il ritorno alla vita attiva, devi:

  • osservare l'igiene;
  • applicare antisettici;
  • riposa più spesso.

Le cuciture esterne e interne guariscono dopo il parto: le condizioni generali del corpo, la capacità di rigenerare i tessuti molli, lo stato del sistema immunitario, l'età, il peso, l'aderenza a una dieta ipocalorica (non grassa, cibo leggero) influiscono anche sulla guarigione per evitare la stitichezza e non violare l'integrità delle cuciture, tendendo i tessuti connettivi. La regolarità della lavorazione dopo il parto, la quantità di guarigione descritta sopra, soprattutto dopo ogni visita in bagno, la frequenza del cambio di medicazioni sterili e assorbenti, indossare biancheria intima non stringente (o meglio usa e getta) influisce anche sulla durata del processo di ripristino delle suture dopo il parto.

  • evitare l'ipotermia, che può portare a infiammazioni;
  • astenersi dall'attività sessuale per un po '.

Certo, c'è il rischio di divergenza delle zone suturate, nello stesso perineo, perché la scarica postpartum è un ambiente favorevole per i microrganismi. Al fine di evitare la penetrazione dell'infezione nel canale del parto, si incoraggia l'aderenza a possibili precauzioni..

Per coloro che sanno per quanto tempo le suture guariscono dopo il parto, godono dei benefici della medicina tradizionale: lo sciroppo di more con echinacea è consigliato 3 volte al giorno, un cucchiaino prima dei pasti. Bevi per due settimane.

Una cura adeguata accelererà notevolmente il recupero.

Il periodo postpartum è il momento più felice e più interessante in cui una madre conosce il suo bambino, gli dedica quasi tutto il suo tempo, si prende cura di lui e si prende cura di lui. Tuttavia, una donna deve ricordare la sua salute, seguire alcune raccomandazioni, tra le quali ci sono restrizioni e divieti ragionevoli..

Prima il divieto

Non sedersi dopo aver cucito il cavallo. Le suture vengono applicate al perineo dopo la sua dissezione, così come nel caso di un perineo rotto. Se ci sono punti sul perineo, non è consigliabile sedersi per 10-14 giorni dopo il parto. I movimenti della giovane madre devono essere attenti e delicati per garantire condizioni ottimali per la guarigione dei punti.

Per formare una cicatrice a tutti gli effetti sul perineo, è necessario il massimo riposo per la pelle e i muscoli del perineo, nonché la pulizia nell'area della ferita postoperatoria. In questi casi, i pasti devono essere consumati in piedi o sdraiati, utilizzando il comodino disponibile in ogni reparto post-parto. Si consiglia inoltre di escludere dalla dieta pane e prodotti a base di farina nei primi 2 giorni per ritardare la comparsa delle feci.

All'inizio, si consiglia di utilizzare superfici dure (sgabello, sedia) per sedersi. Solo 3 settimane dopo il parto puoi sederti su morbidi sedili (divani, poltrone). Ciò è dovuto al fatto che quando si è seduti su una superficie morbida, il carico sul perineo e la cicatrice formata aumenta. Durante un viaggio dalla casa dei genitori in auto, è consigliabile assumere una posizione reclinata al fine di ridurre il carico sul perineo e prevenire la divergenza della sutura.

Divieto del secondo

Non puoi fare il bagno. Prima che la scarica dall'utero finisca (di solito si interrompe 4-6 settimane dopo il parto), è necessario utilizzare una doccia anziché un bagno. Il fatto è che dopo il parto la cervice rimane socchiusa per diverse settimane, quindi la cavità uterina è scarsamente protetta dalla penetrazione di agenti patogeni. In queste condizioni, un bagno è un fattore di rischio per l'infiammazione uterina..

Divieto terzo

Lo svuotamento della vescica non dovrebbe essere ritardato. Dopo il parto, è necessario svuotare la vescica in modo tempestivo, ogni 2-4 ore. Ciò contribuisce alla normale contrazione dell'utero, all'evacuazione del contenuto della cavità uterina e al ritorno più rapido alla sua dimensione originale. Allo stesso tempo, c'è anche una più rapida cessazione della secrezione sanguinolenta e sanguinolenta dal tratto genitale..

Una vescica piena può anche cambiare la posizione degli organi addominali e pelvici l'uno rispetto all'altro (utero, appendici, intestino), il che contribuisce allo sviluppo di complicanze infiammatorie da questi organi. E, soprattutto, lo svuotamento prematuro della vescica può contribuire allo sviluppo di cambiamenti infettivi e infiammatori negli organi del sistema urinario stesso (vescica e reni).

Il quarto divieto

Non puoi mangiare cibi proibiti durante l'allattamento. Mangiare determinati cibi può influire negativamente sulla salute del tuo bambino e sulla qualità del latte materno. Allora, cosa non dovrebbe mangiare una madre che allatta??

Innanzitutto, è necessario escludere dalla dieta gli alimenti che possono causare varie reazioni allergiche in un neonato. Questi includono agrumi, cioccolato, caffè, cacao, fragole, fragole, mele rosse, uova, latte vaccino intero, spratti, frutti tropicali (mango, avocado, ecc.), Miele, pesce gourmet.

In terzo luogo, sono esclusi i prodotti che aumentano la formazione di gas nel bambino (pane grosso, pane nero, fagioli, piselli, focacce, cavoli).

La nutrizione di una giovane madre che allatta dovrebbe essere completa e varia. Sono desiderabili piccoli pasti frequenti. Molto utili sono la carne magra bollita, il pesce, la ricotta, i formaggi delicati, gli yogurt senza additivi. Puoi anche mangiare qualsiasi contorno: pasta, patate, riso, grano saraceno, cavolfiore. Puoi mangiare una varietà di cereali, noci in piccole quantità.

Il quinto divieto

Il regime speciale per bere non può essere ignorato. Prima dell'arrivo del latte, il liquido è limitato a 600-800 ml al giorno. Le limitazioni nella quantità di liquido consumato nei primi giorni dopo il parto sono associate alla possibilità di secernere grandi quantità di latte e allo sviluppo di complicazioni come la lattostasi. Questa è una condizione caratterizzata da una violazione del deflusso del latte dalle ghiandole mammarie, a seguito della quale è possibile lo sviluppo di un processo infiammatorio nella ghiandola mammaria (mastite). In futuro, il regime di consumo viene selezionato individualmente, a seconda delle caratteristiche dell'allattamento di ogni particolare donna. Nei giorni successivi, il volume di liquido consumato dovrebbe essere di circa 1,5-2 litri al giorno.

Si consigliano a una giovane madre bevande come acqua minerale naturale, latte magro (1,5), composte, tè con latte, tè verde. Bevande molto dolci e gassate non devono essere consumate, poiché ciò può influire negativamente sulla qualità del latte materno e causare un aumento della produzione di gas nel neonato, diventare fonte di reazioni allergiche.

Sesto divieto

Non puoi metterti a dieta. Nel periodo postpartum, in nessun caso la quantità di cibo e dei suoi componenti deve essere limitata al di sotto delle norme raccomandate, ma queste norme non possono essere significativamente superate. La mancanza di nutrienti e vitamine può influire negativamente sulla velocità e sulla qualità dei processi di recupero nel corpo di una donna dopo il parto, nonché sulla composizione del latte materno. I primi 2 mesi dopo il parto sono molto importanti per il pieno recupero del corpo della donna dopo il parto..

Fu in questo momento che tutti i principali organi e sistemi del corpo della giovane madre ricostruiscono il loro lavoro dopo la gravidanza completata. Inoltre, i cambiamenti secretori nelle ghiandole mammarie continuano e inizia l'allattamento. Tuttavia, l'intemperanza nella dieta può portare a un aumento di peso eccessivo. I pasti sono consigliati in piccole porzioni, 4-6 volte al giorno. Il contenuto calorico del cibo dovrebbe essere 2200-2500 kcal al giorno, ma, a seconda delle caratteristiche individuali, la diffusione può essere ampia - da 2000 a 2700 kcal.

Il materiale da costruzione principale nel corpo umano sono le proteine, che vengono anche utilizzate per mantenere l'immunità al livello corretto. Le proteine ​​si trovano principalmente nella carne, nella ricotta, nel formaggio. La dieta quotidiana di una madre che allatta dovrebbe includere almeno 120-140 g di proteine.

Le principali e più accessibili fonti di energia sono i carboidrati per il nostro corpo. Si trovano nella pasta, nelle patate, nel riso, nel grano saraceno, nel pane. I carboidrati sono essenziali per il normale funzionamento del sistema nervoso centrale (in particolare, il cervello). La dieta di una madre che allatta dovrebbe contenere 400-450 g di carboidrati. I grassi sono anche necessari per il corpo di una donna per le normali condizioni della pelle, dei capelli, delle unghie, del ripristino delle funzioni dei genitali. I grassi hanno un impatto significativo sulla qualità del latte materno, che ha il suo contenuto ottimale di grassi per il bambino. Si consiglia di consumare 20-30 g di grassi vegetali, che si trovano negli oli vegetali (girasole, oliva, ecc.), Nonché 80-90 g di origine animale.

Settimo divieto

Non puoi assumere farmaci proibiti durante l'allattamento. Nel periodo postpartum, si dovrebbe prestare particolare attenzione all'assunzione di farmaci, poiché molti di essi possono penetrare nel latte materno e influenzare il bambino (causare sonnolenza, aumento della formazione di gas, gonfiore, disbiosi, diminuzione dell'appetito e influenzare anche il funzionamento del fegato e del cuore e anche sulle funzioni vitali del corpo). Consultare sempre il proprio medico prima di assumere qualsiasi farmaco. Particolare attenzione dovrebbe essere prestata a tali farmaci, anticonvulsivanti, sedativi (sedativi), contraccettivi orali e altri farmaci contenenti ormoni..

Ottavo divieto

Non puoi rifiutare l'aiuto dei tuoi cari e provare a rifare tutte le faccende domestiche. Una giovane madre deve riposarsi. Ciò è necessario per il ripristino del suo corpo e per la normale lattazione, nonché per la piena cura del neonato. Mentre il bambino dorme, devi assolutamente andare a letto con lui. Se i tuoi cari hanno l'opportunità di aiutarti nelle faccende domestiche o nella cura di un neonato, non devi rifiutare il loro aiuto..

Una madre vigorosa e assonnata darà al suo bambino molta più attenzione e avrà il tempo di fare cose molto più utili in un giorno. Quando si fanno i lavori domestici, una donna deve ricordare che non è consigliabile sollevare pesi superiori al peso del proprio figlio, e anche lavare i pavimenti, lavare a mano e centrifugare il bucato pesante sono indesiderabili. Puoi chiedere aiuto ai tuoi parenti e alle persone care in queste questioni..

Divieto nono

Non puoi fare sesso nei primi 1,5-2 mesi dopo il parto. Si consiglia di riprendere l'attività sessuale dopo il parto non prima di 2 mesi dopo. Ciò è dovuto a diversi motivi oggettivi.

Innanzitutto, la contrazione completa dell'utero, la formazione del canale cervicale e la guarigione della superficie della ferita nella cavità uterina si verificano solo 1,5-2 mesi dopo il parto. Con una ripresa anticipata dell'attività sessuale, c'è sempre la probabilità di infezione dell'utero e delle appendici e il verificarsi di complicanze infiammatorie (endometrio - infiammazione della mucosa uterina, annessite - infiammazione delle appendici uterine, cervicite - infiammazione del canale cervicale).

In secondo luogo, dopo il parto, ci sono vari microtraumi sulla pelle e sulle mucose degli organi genitali e talvolta punti di sutura. L'inizio dell'attività sessuale in presenza di tali lesioni nell'area genitale può causare dolore e disagio significativi in ​​una donna. Anche in questo caso è possibile l'infezione di ferite e la formazione di incoerenza delle suture sul perineo (ad esempio dopo un'episiotomia).

Inoltre, la funzione secretoria della mucosa vaginale viene ripristinata anche 1,5-2 mesi dopo il parto. In una data precedente, non vi è alcun rilascio di lubrificante vaginale nella quantità necessaria per un rapporto sessuale confortevole.

E infine, un criterio importante di cui tenere conto quando si riprendono i rapporti intimi è lo stato emotivo della donna stessa, la presenza del suo desiderio sessuale. Questo fattore è individuale e variabile per ogni donna. In media, la libido di una donna viene ripristinata entro 2 settimane a 6 mesi dopo il parto..

Non bisogna dimenticare che prima di iniziare una vita sessuale, è necessario visitare un ostetrico-ginecologo, che valuterà le condizioni generali della donna e fornirà anche raccomandazioni sulla contraccezione. Nonostante l'assenza di mestruazioni e allattamento al seno, il verificarsi di una gravidanza indesiderata è ancora possibile, quindi è meglio evitare questa situazione.

Decimo divieto

Non puoi fare sport attivamente. Gli sport attivi e l'attività fisica intensa entro 2 mesi dal parto non sono raccomandati.
Una settimana dopo il parto, puoi eseguire leggere curve e svolte del busto, torcendo lungo la colonna vertebrale, allungando, movimenti rotatori con mani e piedi. Vari tipi di esercizi di respirazione e semplicemente camminare all'aria aperta sono molto utili.

Dopo la cessazione della scarica sanguinolenta dal tratto genitale (lochia), è possibile camminare a ritmo sostenuto, esercizi con manubri leggeri (non più di 2 kg). Entro 1 mese, dovresti limitare gli esercizi associati al carico sui muscoli addominali, come sollevare entrambe le gambe da una posizione prona, portare le ginocchia piegate al petto da una posizione prona, sollevare la parte superiore del corpo da una posizione prona, "forbici", alternando dondola le gambe. Questi esercizi possono provocare sanguinamento uterino o interrompere i processi di involuzione dell'utero (riportandolo al suo stato originale). È meglio iniziare a caricare i muscoli addominali con esercizi di respirazione, piegando e girando il busto (quest'ultimo allena i muscoli addominali obliqui).

Inoltre, non puoi saltare, correre, eseguire esercizi relativi al sollevamento di pesi superiori a 3,5 kg. Se ci sono punti nel perineo, non allungare i muscoli del perineo e delle cosce (ad esempio, accovacciarsi, sollevare le gambe in alto o tirarle di lato) per 6 settimane dopo la nascita. Tali esercizi possono provocare una divergenza delle cuciture o la formazione di una cicatrice difettosa sul perineo..

In ogni caso, prima di iniziare l'attività fisica, è opportuno consultare un medico, che deve essere visitato 2 mesi dopo il parto. Lo specialista consiglierà l'attività fisica a seconda delle caratteristiche individuali della donna, dell'andamento del travaglio e del periodo postpartum.

In generale, il periodo postpartum è molto importante e responsabile nella vita di mamma e bambino. In questo momento, si forma la loro relazione, ha luogo un nuovo modo di vivere, il ripristino del corpo della madre, la crescita e lo sviluppo del bambino. Il rispetto di tutte queste raccomandazioni ridurrà in modo significativo il rischio di complicazioni e situazioni avverse in questo momento importante e consentirà inoltre di godere appieno della felicità della maternità.!

Lyudmila Spitsyna
Ostetrico-ginecologo, Mosca

Nessuno sosterrà che il parto è l'evento più importante nella vita di una donna. L'evento è molto drammatico in senso emotivo. Questa è paura, dolore, speranza e il culmine dell'intero processo - felicità incomparabile - per essere madre. Per questa felicità, dimentichiamo tutto: dolore, paura e voti "con nessun altro e mai", beh, ricorda...

Ti senti insolitamente leggero, vuoi volare. Questa è l'insidiosità di questo momento: non puoi volare. Poche ore dopo il parto, non puoi né volare né sederti, e anche, scusa, andare in bagno è un grosso problema per te.

E i dannati punti dopo il parto sono la colpa di tutto. La maggior parte delle donne che hanno partorito affrontano questo problema. E la tua domanda principale diventa: in quanti giorni, settimane e forse mesi diventerò una persona a tutti gli effetti, guardando la TV, seduto su una poltrona e mangiando cibo a tavola.

Il nostro corpo è progettato per trasportare e dare alla luce bambini, il che significa che i tessuti devono essere elastici e resistere al processo di nascita di un bambino. Dove sono quelle donne fortunate che non hanno mai riscontrato questo problema? Esistono in natura? Sicuramente ti sei posto queste domande.

E ora le risposte. Sì, esistono madri che hanno dato alla luce uno o anche più figli e non conoscono questo problema. Non ho trovato statistiche mediche su questo problema. Ma sui social network, le mamme condividono attivamente questi casi. Torneremo al nostro problema.

Allora perché si verificano lacrime all'inguine e, di conseguenza, la necessità di cucirle? In realtà, ci sono due ragioni per partorire con le suture. Queste sono discontinuità arbitrarie che si verificano:

  1. Con un bambino molto grande;
  2. Una madre anziana che partorisce per la prima volta;
  3. Con parto rapido;
  4. Con cure mediche non qualificate.

Nel mio caso, gli ultimi due motivi combinati. Mio figlio è nato molto rapidamente, causando molti problemi a sua madre e al personale medico. Di conseguenza, le lacune risultanti dovevano essere ricucite. Ha fatto male? Penso che sia tollerabile. C'erano diverse cuciture interne e due esterne che non dovevano essere rimosse, si sono risolte da sole. Come puoi vedere, il caso non è il più difficile..

La seconda ragione per la sutura è un'operazione chirurgica, la cosiddetta episiotomia. L'essenza di questa procedura è evitare una rottura più ampia del perineo e, soprattutto, un trauma alla nascita del bambino..

Il paziente subisce un'incisione chirurgica del perineo. La decisione su questa operazione viene presa dal medico, in base alla probabilità di complicazioni per il neonato e la madre. La ragione dell'episiotomia può essere la presentazione fetale, l'ipossia, il pericolo di grandi rotture del canale del parto della donna, compresa la cervice.

Sebbene la chirurgia sia necessaria dal punto di vista medico, dovrebbe essere evitata quando possibile. Quando ti prepari per il parto, discuti la necessità di questa procedura con il tuo ginecologo.

L'operazione viene solitamente eseguita in anestesia locale. Dopo il parto, le incisioni vengono suturate. Senza entrare nei dettagli medici, notiamo che, nonostante la relativa indolore, il processo di recupero dopo l'intervento chirurgico può essere lungo e non molto piacevole..

Ci sono molti suggerimenti su Internet e la letteratura su come alleviare la tua situazione durante questo periodo. Sono diffidente nei loro confronti. Soprattutto per come "attaccare un sacchetto di piselli congelati al perineo". Tuttavia, alcune delle raccomandazioni non sono prive di significato e, penso, sicuramente non arrecheranno alcun danno. Così:

  1. Utilizza un cerchio di seduta (chiedi in farmacia);
  2. Fai un bagno d'aria: sdraiati nudo, senza biancheria intima. Abbastanza 10-15 minuti;
  3. Non evitare un'attività fisica moderata: cammina di più;
  4. Psicologicamente, sii pronto a sopportare un po ';
  5. Segui tutti i consigli del tuo medico.

Le complicazioni più comuni

  • Dolore e gonfiore;
  • Violazione della minzione;
  • Infiammazione delle cicatrici;
  • Perdita di sensibilità;
  • Prolasso della vagina e dell'utero.

In tutti questi casi, è necessario, ripeto ancora una volta, "è necessario" vedere un medico. Se il processo di guarigione procede senza complicazioni, in media tutto guarisce in 2-3 settimane. In questo momento, in modo che le cuciture non si sfaldino, cerca di non fare movimenti bruschi, non sollevare pesi, non sederti, è preferibile sdraiarsi.

È possibile prevenire i problemi sopra elencati??

In molti casi la risposta è sì. Ovviamente". Se sei in gravidanza:

  • Condurre uno stile di vita attivo;
  • Fai esercizi speciali per rafforzare i muscoli del perineo e della vagina (questi esercizi saranno consigliati dal tuo ginecologo);
  • Imparare a respirare correttamente durante il parto: frequentare corsi per future mamme;

È possibile fare sesso con le suture?

Un'altra delle domande più importanti: puoi fare sesso se sei ricucito? Metti da parte finché i punti non sono completamente guariti. Altrimenti, non riceverai altro che dolore e sensazioni spiacevoli..

Ma se il processo di guarigione è completamente chiuso e non ci sono complicazioni, non dovresti privare te stesso e tuo marito di una delle principali gioie della vita. All'inizio, tuttavia, potrebbe esserci un certo disagio. Ma qui tutto viene corretto con l'aiuto dell'attenzione e della delicatezza del partner. Penso che insieme si possa fare benissimo.

Invito tutti i miei lettori a visitare il webinar gratuito "La vita dopo il parto" della ginecologa Irina Zhgareva. Le conoscenze acquisite al webinar saranno utili a qualsiasi neomamma.

Salutandovi, cari amici, voglio dire che non dovreste essere in preda al panico per aver paura dei punti dopo il parto. Negli ospedali per la maternità, di regola, lavorano specialisti competenti e coscienziosi. Devi fare affidamento sulla loro esperienza, chiedere di più, essere interessato a come sono le tue condizioni, a quali manipolazioni mediche stai affrontando, cosa si può fare per evitare complicazioni.

Devi essere paziente, vedere il lato positivo degli eventi in corso. Loda te stesso. Dopotutto, se hai deciso di fare un passo così importante: diventare madre, allora puoi sopportare il dolore e il disagio. Chiedi aiuto al tuo uomo più spesso. Chiedi di tenere in braccio il bambino, fornire un cuscino, aiutarti a sederti. Credimi, si prende cura di te e del bambino..

E ricorda sempre - la ricompensa per tutte le tue sofferenze - eccola qui, accanto a te: la tua straordinaria, meravigliosa, così cara bambina. Crescerà e con esso cresceranno le tue gioie, preoccupazioni e preoccupazioni. Come concordato, condivideremo le gioie con i nostri cari. E se sorgono problemi, ne discuteremo insieme.

Infine, guarda un bel video di KVN Dnipro - Estratto dall'ospedale:

Chi quando ha iniziato a sedersi dopo il parto, se c'erano punti?

Ragazze, che dopo quanto tempo hanno iniziato a sedersi se c'erano cuciture? Il mio secondo parto è stato rapido, mio ​​figlio è volato via immediatamente con una spinta, quindi mi ha strappato con le spalle (hanno cucito sia le cuciture interne che esterne, facevano male terribilmente, tirato, in generale brrr... Non sono riuscito a stare seduto per un mese. Non mi sono mai seduto lì, ma lì e non era all'altezza a causa del dolore. "Durante questo parto, come mi ha detto l'ostetrica, mi sono spaccato lungo le vecchie cuciture, le ho ricucite... ma non ho avuto bisogno di toglierle, non ho sentito le cuciture dall'inizio, non ho avuto alcun dolore o Il medico ha detto di non sedersi per 2 settimane e alla dimissione l'ostetrica ha consigliato di non sedersi di nuovo per un mese... Quindi questa è la domanda... chi si è seduto quando? Oggi abbiamo 2 settimane e non posso né camminare né sdraiarmi posizione (ma d'altra parte ho paura)))

Quando sedersi dopo il parto con i punti?

Molte donne "esperte" in travaglio sanno che la nascita di un bambino non sempre procede senza intoppi. Le grandi dimensioni del feto, la presentazione podalica del feto, il travaglio rapido e in alcuni casi anche la mancanza di professionalità dei medici spesso portano a rotture interne o esterne. Fortunatamente, oggi, gli operatori sanitari sono in grado di cucirli rapidamente e abilmente. Tuttavia, la presenza di punti di sutura porta a una giovane madre molto disagio e preoccupazioni, soprattutto quando si tratta di lacrime esterne o incisioni del perineo, che sono di gran lunga la conseguenza più comune del parto..

Di fronte a questo problema, le mamme appena coniate fanno una domanda ragionevole: quando puoi sederti? Bene, diamo un'occhiata a questo in modo più dettagliato..

Sedersi o non sedersi?

La risposta a questa domanda interessa tutte le donne che hanno punti di sutura e si presenta già il giorno della dimissione dal reparto maternità. Camminare con il bambino in braccio dall'ospedale non è un'opzione. Come essere? Cosa fare?

Per prevenire vari tipi di problemi, i medici consigliano di tornare a casa in posizione reclinata. I tuoi parenti dovrebbero occuparsi in anticipo del comodo trasporto e avvertire tutti coloro che incontrano che i sedili posteriori dell'auto saranno occupati da te e dal tuo bambino.

Per quanto riguarda la guarigione, vale immediatamente la pena notare che le cuciture esterne guariscono un po 'più problematiche di quelle interne. Il periodo di cicatrizzazione dipende da molti fattori: le caratteristiche individuali del corpo femminile, le caratteristiche rigeneranti dei tessuti molli, l'entità del problema e il rispetto delle regole di igiene personale. Pertanto, il processo di recupero può durare da diversi giorni a due mesi..

Per un rapido recupero, sono necessarie due condizioni importanti: il riposo e l'uso di antisettici. Se prima, dopo aver suturato le donne in travaglio, potevano permettersi il riposo a letto per diversi giorni, oggi, quando la degenza congiunta di una madre e di un neonato viene accolta negli ospedali per la maternità, è abbastanza problematico garantire il riposo completo dell'area lesa. E anche dopo la dimissione, la donna non ha tempo per questo, perché è tutto dedicato al bambino..

Crea molti problemi e il trattamento della zona perineale. Il contatto costante con le secrezioni vaginali, le difficoltà nell'applicazione e nel fissaggio di una medicazione sterile complicano notevolmente il processo di guarigione della zona intima. Pertanto, la mamma deve fare tutto il possibile per aiutare il suo corpo a superare rapidamente tutte le difficoltà ed evitare complicazioni. Prima di tutto, una donna è obbligata ad osservare le regole igieniche di base: cambiare regolarmente gli assorbenti igienici, trattare l'area della "ferita di battaglia" con antisettici ogni giorno, lavarsi dopo ogni minzione e defecazione.

6 importanti "cose ​​da non fare" dopo il parto

Naturalmente, dopo il parto, ogni donna vuole riprendersi il prima possibile, tornare alle sue forme precedenti e sentirsi piena di energia. Cosa deve tenere in considerazione una neo-mamma affinché il periodo postpartum passi senza complicazioni?

Elena Kurbatova
Medico-terapeuta, Voronezh

Dopo il parto, inizia un periodo felice e allo stesso tempo piuttosto difficile per una donna: la vita è costruita in un modo nuovo, perché l'aspetto di un nuovo piccolo membro della famiglia apporta cambiamenti significativi nel solito modo di vivere. Inoltre, anche la donna stessa ha bisogno di riprendersi dal parto, e qui non può fare a meno delle restrizioni. Fortunatamente, sono tutti temporanei e non ci vorrà troppo tempo per rispettarli..

Raccomandazione 1. Dopo il parto, non puoi sederti se il perineo è stato suturato

Una giovane madre non dovrebbe stare seduta per 3-4 settimane dopo il parto fino a quando i tessuti non sono completamente ripristinati per evitare la divergenza della sutura. È necessario aderire a questa raccomandazione se è stata eseguita un'episiotomia (dissezione del perineo) o se sono state imposte suture alla rottura del tessuto. Questo vale anche per le cuciture interne se la giovane madre aveva lacrime interne. Per identificarli dopo il parto, il medico esamina la cervice e la vagina negli specchi, se c'è un danno, deve mettere suture interne per una migliore guarigione del difetto.

Tuttavia, il 5-7 ° giorno, è consentito sedersi sul water o su una sedia dura sul gluteo opposto al sito di incisione dopo aver rimosso i punti, in caso di lacerazioni o tagli esterni (per questo, è necessario verificare con il medico su quale lato si trovava l'incisione). E solo 3-4 settimane dopo il parto, puoi sederti su sedili morbidi (divani, poltrone). Ciò è dovuto al fatto che quando si è seduti su una superficie morbida, il carico sul perineo e la cicatrice formata aumenta. E alzandoti dal letto, devi girarti su un lato per evitare una posizione seduta. Questo dovrebbe essere fatto lentamente e senza movimenti improvvisi. È anche meglio nutrire il tuo bambino dopo la sutura sdraiato su un fianco. Quelle madri che hanno partorito senza rotture ed episiotomia, e non ci sono complicazioni, e dopo un taglio cesareo, possono sedersi dopo il parto per il 2 ° o 3 °.

Raccomandazione 2. Il sesso dopo il parto è possibile non prima di 6-8 settimane

Molti giovani genitori trascurano la raccomandazione del riposo sessuale. E questo può essere compreso, tuttavia, la cura della salute della madre e, di conseguenza, il benessere del bambino dovrebbe venire prima. È auspicabile riprendere il sesso dopo il parto non prima di 6-8 settimane dopo il parto. Fino a questo momento, la superficie interna dell'utero è una ferita estesa e la cervice non ha il tempo di chiudersi completamente. Questi fattori possono portare alla penetrazione dell'infezione dalla vagina nell'utero (percorso ascendente) e in seguito allo sviluppo di endometrite (infiammazione del rivestimento interno dell'utero), infiammazione delle appendici, ecc. Inoltre, se le suture sono state applicate al perineo o alla parete addominale, i tessuti devono essere completamente recuperare, e questo è di almeno 1,5–2 mesi. Inoltre, non è raro che durante questo periodo, durante il sesso dopo il parto, una giovane madre possa essere infastidita dal dolore, poiché la formazione di lubrificazione naturale nel tratto genitale è significativamente ridotta, soprattutto se la madre allatta il bambino (questa situazione può durare fino al momento in cui l'allattamento al seno si interrompe), - da - a causa della mancanza dell'ormone progesterone e dell'eccesso di prolattina.

Va anche detto che possono verificarsi gravidanze ripetute, per le quali il corpo non è ancora pronto. Molti non ci pensano nemmeno, sicuri che sia semplicemente impossibile (soprattutto se una donna allatta un bambino). In effetti, l'ormone prolattina, responsabile dell'allattamento, è un ostacolo all'inizio di una nuova gravidanza. Se la madre allatta al seno il bambino, il suo livello nel corpo sarà alto, il che garantisce l'assenza di ovulazione (rilascio di un uovo dall'ovaio) e l'impossibilità di concepimento. Quando si interrompe l'allattamento al seno, vengono introdotti alimenti complementari o quando il bambino viene applicato irregolarmente al seno (meno di otto volte al giorno) con una pausa notturna di oltre 5 ore, o se il bambino viene allattato artificialmente, la concentrazione dell'ormone del latte diminuisce gradualmente. Di conseguenza, viene inibito anche il suo effetto sulla sintesi dei follicoli nelle ovaie e può verificarsi l'ovulazione. Inoltre, la gravidanza può verificarsi con ovulazione spontanea (irregolare), che si verifica prematuramente o tardi sotto l'influenza di qualsiasi fattore (aumento ormonale, stress, relazioni intime violente, ecc.). Pertanto, si consiglia di consultare un ostetrico-ginecologo prima di iniziare il sesso dopo il parto..

Raccomandazione 3. Non è possibile praticare sport immediatamente dopo il parto

Si consiglia a una giovane madre di posticipare gli sport attivi dopo il parto per 6-8 settimane in modo che i tessuti dell'utero, della parete addominale e del pavimento pelvico siano completamente ripristinati. Prima di iniziare l'attività sportiva dopo il parto, è consigliabile farsi visitare da un ginecologo, soprattutto se ci sono state complicazioni dal periodo postpartum o da un taglio cesareo (dovresti aspettare che la sutura guarisca). Tuttavia, puoi gradualmente tornare allo stress prenatale, tenendo conto della tua forma fisica. Tutto dipende da quanto regolarmente la giovane madre ha lavorato prima. Se ha dedicato abbastanza tempo allo sport prima del parto o era un atleta professionista, allora, molto probabilmente, sarà possibile continuare ad allenarsi quasi immediatamente, ma, ovviamente, all'inizio vale la pena abbassare l'intensità dei carichi e non è consigliabile eseguire esercizi con salto, corsa, squat, sollevamento pesi (più di 3,5 kg), poiché ciò può aumentare la pressione nella zona del pavimento pelvico, provocare minzione involontaria o tensione eccessiva nelle suture. Inoltre, gli sport molto attivi dopo il parto possono portare ad un aumento del sanguinamento dal tratto genitale e persino al sanguinamento. Durante il primo mese, dovresti limitare gli esercizi legati al carico sui muscoli addominali, come sollevare entrambe le gambe da una posizione prona, portare le ginocchia piegate al petto da una posizione prona, sollevare la parte superiore del corpo da una posizione prona, "forbici", alternare oscillazioni delle gambe. Questi esercizi possono provocare sanguinamento uterino o interrompere la riparazione uterina. È meglio iniziare a caricare i muscoli addominali con esercizi di respirazione, curve e giri del busto.

Se durante la gravidanza le attività sportive sono state interrotte o la madre ha deciso di iniziare a praticare per la prima volta per rimetterti in forma dopo il parto, allora dovresti iniziare gradualmente.

Dopo aver dato alla luce una dieta?
Naturalmente, dopo il parto, le donne vogliono dimagrire rapidamente e tornare alle loro forme pre-gravide, e molte vanno a dieta, cercando di sbarazzarsi dei chili in più. Ma una tale ricerca della bellezza non danneggerà la madre più giovane e il suo neonato? Quindi, una mancanza di nutrienti e vitamine può influire negativamente sulla velocità e sulla qualità dei processi di recupero nel corpo di una donna dopo il parto, nonché sulla composizione del latte materno. I primi due mesi dopo la nascita, le briciole sono molto importanti per il pieno recupero del corpo di una donna dopo il parto. È stato in questo momento che tutti i suoi principali organi e sistemi ricostruiscono il loro lavoro dopo la gravidanza completata. Anche i cambiamenti nelle ghiandole mammarie continuano e inizia l'allattamento al seno, e anche la produzione di latte richiede ulteriori nutrienti ed energia. Da dove verranno se una donna è a dieta? Il contenuto calorico del cibo dovrebbe essere in media 2200-2500 kcal al giorno. Si consiglia di mangiare in piccole porzioni 4-6 volte al giorno.

Una settimana dopo il parto, puoi eseguire leggere curve e svolte del busto, torcendo lungo la colonna vertebrale, allungando, movimenti rotatori con mani e piedi. Vari tipi di esercizi di respirazione e semplicemente camminare all'aria aperta sono molto utili. Dopo la cessazione del sanguinamento dal tratto genitale (lochia), è possibile camminare a ritmo sostenuto, esercizi con manubri leggeri (non più di 2 kg).

È meglio fare sport dopo aver allattato il bambino, quindi non ci sarà una spiacevole sensazione di pienezza nelle ghiandole mammarie. Inoltre, dopo un intenso esercizio fisico, il bambino può abbandonare completamente il seno, poiché durante l'allenamento attivo, i prodotti metabolici entrano nel latte, il che può dargli un sapore amaro sgradevole, ma un'ora dopo l'esercizio tutto dovrebbe tornare alla normalità.

Raccomandazione 4. Non auto-medicare dopo il parto

Dopo la nascita del bambino, soprattutto se allattato al seno, la madre dovrebbe prestare particolare attenzione all'assunzione di farmaci. Dopotutto, molti dei farmaci sono in grado di penetrare nel latte materno e da lì nel corpo del bambino, che, a causa della sua immaturità, potrebbe non essere in grado di far fronte alla rimozione del farmaco all'esterno e rimarrà nel corpo del bambino, portando alla rottura degli organi e dei sistemi del bambino. Pertanto, prima di utilizzare qualsiasi farmaco (anche a base di erbe), dovresti consultare il tuo medico. Forse il medico ti consiglierà di interrompere l'allattamento al seno per un po 'e di estrarre il latte per mantenere l'allattamento. Solitamente, dopo aver interrotto l'assunzione del farmaco, la ripresa dell'alimentazione è possibile entro 24-48 ore (questo è il tempo necessario perché il farmaco venga rimosso dal corpo della madre, ad eccezione di quei farmaci che si accumulano nei tessuti).

Raccomandazione 5. Sentiti libero di chiedere aiuto dopo il parto

Una giovane madre è spesso preoccupata non solo di prendersi cura del bambino, ma anche di infiniti problemi familiari, spesso dimenticandosi della propria salute e delle cattive condizioni di salute. Un'espressione molto popolare è "La mamma non può essere malata". E le giovani madri sono letteralmente esauste, cercano di fare tutto, spesso trascurando se stesse. Tuttavia, questo può portare a grossi problemi. Ad esempio, se una donna ha il raffreddore e soffre di una malattia alle gambe, ciò può portare allo sviluppo di polmonite e affaticamento costante, la mancanza di riposo può provocare un'esacerbazione di malattie croniche esistenti o l'emergere di malattie acute sullo sfondo della già bassa difesa immunitaria del corpo della donna dopo il parto. Pertanto, non dovresti provare a rifare tutte le faccende domestiche da solo. Puoi chiederlo a tuo marito oa qualcuno dei tuoi parenti. Se non devi contare sull'aiuto, puoi rimandare le preoccupazioni che non riguardano direttamente mamma e bambino e senza la cui soluzione non accadrà nulla di catastrofico.

Oltre al solito riposo quotidiano, una giovane madre dovrebbe dormire bene. Se non riesce a dormire la notte a causa dell'alimentazione del bambino, si consiglia di compensare la mancanza di sonno con un giorno di riposo. Vale la pena rimandare tutto e dormire con il bambino. Con la mancanza di sonno, l'allattamento può essere disturbato (poiché è di notte che viene rilasciata la prolattina, che è responsabile della formazione del latte). L'allattamento stimola naturalmente la formazione di prolattina, ma il suo rilascio può essere inibito a causa della mancanza di sonno, a seguito della quale i processi metabolici nelle cellule nervose vengono interrotti. Inoltre, la difesa immunitaria del corpo diminuisce, perché la mancanza di sonno agisce come uno stress cronico, portando a una diminuzione delle difese del corpo, provocando l'insorgenza o l'esacerbazione di varie malattie, una diminuzione dell'umore e lo sviluppo della depressione postpartum.

Raccomandazione 6. Non fare il bagno dopo il parto

Molto spesso, una madre vuole fare un bagno caldo dopo il parto. Tuttavia, questa procedura piacevole e rilassante non è così sicura come potrebbe sembrare a prima vista. Come notato sopra, nelle prime 6-8 settimane dopo il parto, la superficie interna dell'utero è molto suscettibile a vari tipi di infezioni, spesso penetrando lungo il percorso ascendente (attraverso la cervice, che non si è ancora sufficientemente contratta). Pertanto, fare il bagno subito dopo il parto (prima che la lochia finisca e / o i tessuti nel sito di sutura guariscano) è irto dello sviluppo di endometrite (infiammazione dello strato interno dell'utero), infiammazione delle appendici, infezione e problemi con la guarigione delle suture, così come un aumento della secrezione postpartum o persino lo sviluppo sanguinamento (a causa di una diminuzione del tono dei vasi sanguigni dell'utero e di un aumento del suo apporto di sangue in acqua calda o calda). Dopo la visita medica, se non ci sono complicazioni, puoi fare il bagno dopo il parto, ma l'acqua non deve essere troppo fredda, ma non troppo calda (non inferiore a 37 ° C e non superiore a 40 ° C) e il tempo del bagno non deve superare i 30 minuti. Lavare bene il bagno con un detergente e poi risciacquarlo accuratamente.

Cosa non fare dopo il parto: 10 divieti importanti

Dopo la nascita di un bambino, molte madri vogliono tornare rapidamente al loro modo di vivere precedente, ritrovare la loro forma e immergersi nella crescita di un bambino. Tuttavia, il periodo postpartum è molto importante, perché in questo momento il corpo della madre viene ripristinato e la salute futura della madre dipende da come si riprenderà. Pertanto, molti medici raccomandano alle madri di seguire alcune raccomandazioni che ridurranno significativamente il rischio di complicanze e conseguenze avverse. In questo articolo, esamineremo i 10 divieti principali che non dovrebbero essere violati per evitare problemi di salute..

Non utilizzare gli assorbenti interni dopo il parto

Alla domanda: "È possibile usare tamponi dopo il parto?", I dottori rispondono con un "no" categorico. Poiché gli intensi cambiamenti ormonali che si verificano nelle prime sei settimane dopo il parto sono accompagnati dal rifiuto della lochia, gli esperti raccomandano vivamente di utilizzare solo assorbenti speciali, ma non tamponi. All'inizio, la lochia è abbastanza abbondante e contiene molto sangue e particelle delle membrane. Alla fine, la selezione diventa trasparente e scarsa. Ma anche dopo, è troppo presto per usare gli assorbenti interni. Separatamente, va detto che se la nascita di una donna è avvenuta con lacrime e crepe nel perineo, l'uso di tamponi è severamente vietato! I medici consigliano di utilizzare gli assorbenti interni solo dopo che il ciclo mestruale è ripreso, quando la scarica si è normalizzata e avrà uno stato uniforme..

Nel periodo successivo, è molto importante osservare l'igiene, lavare i genitali dopo aver usato il bagno. Questo va fatto utilizzando acqua bollita con l'aggiunta di un decotto di erbe officinali. È anche importante cambiare regolarmente le guarnizioni, ogni due ore, anche se non si riempiono.

Trascurare le norme igieniche può portare alla crescita di batteri e allo sviluppo di infiammazioni..

Non auto-medicare dopo il parto

Anche se la mamma non è stata in grado di stabilire l'allattamento al seno, l'automedicazione e l'assunzione di farmaci senza prescrizione medica non sono desiderabili. Per le donne che allattano, il divieto dei farmaci è ancora più importante. Dopotutto, la maggior parte dei farmaci passa nel latte materno e influisce negativamente sulla salute del bambino. Una volta nel latte, portano alla rottura degli organi e dei sistemi del bambino. Gli effetti collaterali possono comparire nel bambino sotto forma di maggiore irritabilità, pianto, gonfiore, diminuzione dell'appetito e comparsa di disbiosi. Tutto ciò può influire negativamente sul funzionamento del fegato, del cuore del bambino e di altre funzioni della sua salute. Una giovane madre dovrebbe ricordare che prima di assumere farmaci, anche per il mal di testa, deve assolutamente consultare un medico, che, forse, consiglierà di interrompere l'allattamento per un po 'e di estrarre il latte per mantenere l'allattamento. In genere, i farmaci vengono rimossi entro 24-48 ore dall'assunzione dei farmaci. Una categoria speciale di farmaci comprende: anticonvulsivanti, contenenti ormoni, vasocostrittori, antibiotici, sedativi, contraccettivi ormonali e persino alcune erbe.

Non dovresti auto-medicare se stiamo parlando di temperatura corporea elevata dopo il parto. Non "trattare" con paracetamolo o ibuprofene, i motivi possono essere molto gravi. Ricorda che è importante consultare un medico, anche se sei sicuro che la temperatura sia salita a causa di un latte freddo o stagnante.

Non puoi indossare una benda se ci sono controindicazioni

Molte mamme considerano la benda una cosa sicura e solo utile, con la quale puoi accelerare il recupero del corpo e tornare alle forme precedenti. Tuttavia, la benda non ha solo proprietà cosmetiche, ma anche proprietà medicinali, quindi non vale la pena usare la benda da soli, senza consultare un medico, poiché ha alcune controindicazioni e indicazioni rigorose. Un medico in un ospedale di maternità può anche raccomandare di indossare una benda se ci sono indicazioni dirette per questo. Se non ci sono controindicazioni evidenti, in ogni caso, chiedi nuovamente al medico.

Quindi, per quali indicazioni il medico può prescrivere di indossare una benda:

  • sensazioni dolorose dopo un taglio cesareo;
  • problemi con il sistema muscolo-scheletrico: curvatura della colonna vertebrale, scoliosi, osteocondrosi, radicolite, ecc..
  • pancia cadente e smagliature;
  • diminuzione del tono del corsetto muscolare.

Per quanto riguarda le controindicazioni per indossare una benda, è possibile elencare quanto segue:

  • suture nel perineo;
  • malattie renali e gonfiore indotto dal nome;
  • problemi con il tratto gastrointestinale;
  • malattie della pelle o allergiche ed eruzioni cutanee.

Una benda dopo il parto è ovviamente una cosa conveniente, ma va ricordato che nel periodo postpartum per la perdita di peso, è necessario dedicare tempo all'attività fisica, che affronterà il compito in modo molto più efficiente.

Non puoi metterti a dieta

Il desiderio naturale di una madre dopo il parto è perdere rapidamente il peso in eccesso accumulato. Pertanto, molte persone scelgono una dieta che spesso include evitare determinati cibi e limitare le calorie. I medici esperti non consigliano di farlo, inoltre, se la madre sta allattando. Osservare una certa dieta durante l'allattamento, ovviamente, è necessario, quindi è necessario limitare i cibi grassi, piccanti, salati, fritti, mentre è importante osservare il contenuto calorico del cibo, che dovrebbe essere in media 2200-2500 kcal al giorno. Allo stesso tempo, non dovresti limitare la quantità di cibo per "perdere l'eccesso". Il corpo stesso tornerà alla normalità quando esce il liquido in eccesso e il volume del sangue circolante diminuisce. In circa due mesi, tutti i principali organi e apparati di una donna ricostruiscono il loro lavoro dopo una gravidanza completata.

Non puoi fare il bagno nel periodo postpartum

Non essere in ritardo con lo svuotamento della vescica

Ogni donna dopo il parto dovrebbe monitorare lo svuotamento tempestivo della vescica. È meglio andare in bagno ogni 2-3 ore, anche se non c'è bisogno di urinare. Il fatto è che la sensibilità della vescica può diminuire dopo il parto, ciò è dovuto al fatto che l'utero, che viene allungato dopo il parto, non preme sulla vescica. Il tono della vescica diminuisce, le sue pareti si gonfiano e si allungano fortemente, cambiando la posizione degli organi addominali e pelvici a causa della grande quantità di urina. Questa condizione è irta dello sviluppo di cambiamenti infettivi e infiammatori negli organi del sistema urinario stesso, nonché dell'infiammazione e della complicazione della condizione dall'utero, dalle appendici e dall'intestino.

Con la minzione regolare, l'utero si contrae e viene ripristinata la posizione corretta degli organi situati nella piccola pelvi. Inoltre, aderendo a questo regime, la donna smetterà rapidamente di sanguinare dal tratto genitale e si verificherà un pieno recupero del loro lavoro. Di solito, dopo un po 'di tempo dopo il parto, il processo di minzione è normalizzato..

Non puoi fare sesso nel periodo postpartum

Dopo il parto, i ginecologi sconsigliano di fare sesso per 6-8 settimane. Durante questo periodo, il sistema riproduttivo della madre viene ripristinato, la dimensione dell'utero diminuisce alla dimensione normale. Inoltre, durante questo periodo, la maggior parte delle donne mantiene la dimissione postpartum (lochia), e questo rende anche l'astinenza dal sesso dopo il parto una necessità. Il sesso precoce dopo il parto può essere spiacevole per una donna e persino doloroso a causa della secchezza vaginale. Una libido sottovalutata di una donna che ha partorito è un fenomeno normale, se dopo il parto non si vuole fare sesso, questa è solo una difesa naturale contro complicazioni e gravidanze indesiderate. Nel tempo, tutto tornerà alla normalità.

Dopo che il bambino è nato con taglio cesareo, il ginecologo può raccomandare il riposo sessuale fino a 1-2 mesi. Anche la sutura sull'utero e la sutura sulla pelle dell'addome devono guarire prima che la coppia possa tornare al sesso..

Soprattutto spesso, il prolungamento del periodo di astinenza sessuale è associato alla sutura dopo la rottura dei tessuti molli del canale del parto o dell'episiotomia. Se una donna ha avuto un travaglio complicato con lacrime perineali, dovrà aspettare che i punti guariscano. Non puoi disturbarli, altrimenti potrebbero disperdersi. Inoltre, a causa dei punti di sutura sul perineo, il sesso dopo il parto può essere doloroso e la donna stessa avrà paura di riprendere la vita sessuale. Vale anche la pena notare che se i punti sono stati posizionati sul perineo (a causa di episiotomia o rottura dei tessuti interni), la donna non dovrebbe sedersi per 3 settimane dopo il parto. Ciò è necessario affinché i tessuti siano completamente ripristinati e non vi siano divergenze delle cuciture..

In caso di complicazioni postpartum (ad esempio, raschiatura della cavità uterina dopo il parto), a una donna può essere vietato fare sesso per un massimo di 1-2 mesi. Successivamente, il periodo può essere esteso fino a quando il canale del parto non è completamente guarito. Se si sono verificate complicazioni, il medico dirà alla coppia quando sarà possibile fare sesso.

Non perdere o rimandare le visite dal ginecologo

Di norma, la visita dovrebbe essere immediatamente, dopo la riduzione della scarica sanguinolenta postpartum - lochia. Durante il parto con l'aiuto di un cesareo, una visita dal medico può essere effettuata a 6-8 settimane, entro le quali le suture sul perineo hanno il tempo di guarire un po ', il che consente un esame di alta qualità. In questo caso, è necessario assicurarsi che il muco separato sia leggero e privo di impurità sanguinolente, altrimenti la visita dal medico non può essere posticipata. Non si può ritardare con una visita, anche quando la temperatura corporea aumenta, questo può indicare un'infiammazione dell'utero o delle cuciture interne. Anche la comparsa di un odore sgradevole, sanguinamento abbondante o forte dolore dovrebbe allertare la mamma. Qualsiasi arrossamento e infiammazione delle cuciture esterne indica un'infezione associata. Pertanto, il primo esame postpartum da parte di un ginecologo dovrebbe essere eseguito poche settimane dopo la dimissione. Se si verificano i sintomi allarmanti sopra descritti, consultare immediatamente un medico, questo è l'unico modo per evitare complicazioni pericolose.

Non puoi fare sport, scarica la stampa

Per 2-3 mesi dopo il parto, una donna non dovrebbe praticare sport attivi, durante i quali è possibile un'attività fisica intensa. Inoltre, non puoi saltare, correre, eseguire esercizi relativi al sollevamento di pesi superiori a 3,5 kg. Nel periodo postpartum vanno evitati anche esercizi legati al carico sui muscoli addominali, come: alzare entrambe le gambe da posizione prona, portare le ginocchia piegate al petto da posizione prona, sollevare la parte superiore del corpo da posizione prona, alternare oscillazioni delle gambe. Questi esercizi possono provocare sanguinamento uterino o interrompere il ritorno dell'utero al suo stato originale..

Prima di iniziare l'attività sportiva dopo il parto, è consigliabile farsi visitare da un ginecologo, soprattutto se ci sono state complicazioni dal periodo postpartum o da un taglio cesareo. In assenza di controindicazioni, puoi tornare allo stress prenatale, tenendo conto della forma fisica. È meglio iniziare a caricare i muscoli addominali con esercizi di respirazione, curve e giri del busto, grazie a loro si allenano i muscoli addominali obliqui.

Un esercizio popolare tra i tanti - l'aspirazione dell'addome, è sicuramente un buon modo per mantenere il tono dei muscoli addominali, tuttavia, per una madre appena nata, è controindicato. Per iniziare l'esercizio, tutte le dimissioni postpartum dovrebbero terminare, dopodiché dovresti aspettare anche meno di 2 mesi. Altrimenti, è possibile sanguinamento ripetuto, avvelenamento del corpo con tossine..

Abbiamo parlato di più su come perdere peso dopo il parto in questo articolo..

Non dovresti rifiutare l'aiuto e fare tutto da solo

Nel periodo postpartum, molte donne sviluppano un blues associato a difficoltà nel prendersi cura di un bambino e alle faccende domestiche. All'inizio, è particolarmente difficile per la mamma stabilire una vita e prendere un ritmo. Una donna fa del suo meglio per essere una buona madre, per far fronte ai suoi doveri, ma qualsiasi difficoltà porta alla disperazione e sforzi ancora maggiori da parte sua. Vedendo lo stato della donna, quelli intorno a lei stanno cercando di aiutarla in casa. Tuttavia, a causa della ristrutturazione del corpo, dei cambiamenti ormonali e di uno stato depressivo postpartum, tale aiuto può offendere una nuova madre. Le può sembrare che i parenti la considerino una cattiva casalinga e madre..

Psicologi esperti raccomandano vivamente di non provare a rifare da solo tutte le faccende domestiche, anche se sembra che nessuno le farà meglio di te. Puoi e dovresti chiederlo a tuo marito oa qualcuno dei tuoi parenti. Se non puoi contare sull'aiuto, puoi rimandare le preoccupazioni che non riguardano direttamente la madre e il bambino e senza la cui soluzione non accadrà nulla di catastrofico. Cerca di distribuire le responsabilità in casa in modo da avere tempo per riposarti. Quando il bambino si è addormentato, non correre a correre a stirare i vestiti, sdraiati e rilassati con lui. Una madre calma e riposata è molto più importante per un bambino di un pannolino perfettamente stirato. Se ti sembra che sarai condannato per la biancheria non stirata o per una casa non pulita, chiedi aiuto ai tuoi cari, lasciali sedere con il bambino e andrai tranquillamente a fare affari.

Ricorda che con uno stress prolungato, le difese immunitarie del corpo si riducono. La mancanza di sonno e riposo provoca l'insorgenza o l'esacerbazione di varie malattie, una diminuzione dell'umore e lo sviluppo di gravi conseguenze. Nel tempo, tutto si risolverà e tornerà al suo solito ritmo.